Enna Festeggiamenti SS Crocifsso Papardura: da stamattina la preparazione delle “Cudduredde”

I festeggiamenti del Santissimo Crocifisso di Papardura a Enna organizzati dalla Congrega dei Massari entrano sempre più nel vivo. Da stamattina 3 settembre sino a mercoledì prossime le donne mogli e figlie dei massari si ritroveranno nelle grotte adiacenti il Santuario per la preparazione delle Cudduredde che poi saranno distribuite ai fedeli nei giorni più importanti della festa il 13 e 14 settembre. La Cudduredda è preparata con classico impasto di acqua e farina, cotto al forno. La preparazione delle “cudduredde” risale a tempi lontani. Si narra che intorno al 1742 gli ennesi vivessero un terribile momento di carestia. Molti fedeli, a piedi scalzi e con la corda al collo, si recarono al Santuario per una processione penitenziale. In omaggio al SS. Crocifisso e per propiziare un abbondante raccolto di grano furono preparate delle piccole “cudduredde”, costituite da pane azzimo biscottato a forma di delta greca (che rappresenta la croce santa), cotto in forno che successivamente venne benedetto e distribuito ai fedeli. Il miracolo avvenne: la terra produsse tanto grano  che non bastarono i depositi a contenerlo. Da allora continua la tradizione della preparazione devozionale delle “cudduredde” da parte di centinaia di massaie che si riuniscono in una grotta naturale sottostante al Santuario nei giorni antecedenti la festa e che vengono distribuite nei giorni del 13 e del 14 perché ritenute bene auguranti.
Alleghiamo inoltre una poesia sulla festa del Santissimo Crocifisso scritta nei giorni scorsi dal depositario del Santuario Gaetano Cammarata

A festa do Signuri
U tridici e u quartoddici di Sittimru,
genti di li vallati,
genti di li cuntrati
genti di Enna vascia,
acchianati a Papardura
genti di Enna ata
scinniti a Papardura
nni la chisa ca leva ogni arsura
purtati amici e parenti
ca sunu tantu cuntenti
purtati nanni e niputi cari signuri
ca tutti ni voli a Papardura nostru Signuri,
i Massari cu tanti genti e i mugliri
anu priparatu i cuddureddi cu lu cori e cu la testa
pi fari a nostru Signuri,cumu voli a tradizioni, gran festa.
Imu nna casa do Signuri,ni voli a tutti
di Enna e fori Enna, di l’Italia e fori di l’Italia
di l’Europa e fori di l’Europa, simu tutti figli so.
Viniti viniti o Crucifissu Santissimu
Nostru patri amatissimu,
viniti ndi lu locu unni carusi tantu cuntenti
nde diddru cunfidenti
ardenti d’amuri
si prummintunu eternu amuri.
A fini da funzioni do quartoddici cantamu , friscamu,ballamu
O Santissimu Crucifissu di Papardura osannamu.
Ascutati a Taninu Cammarata
U depositariu di st’annata.

Visite: 763

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI