Enna, emergenza rifiuti; si va verso la normalizzazione

La città si avvia verso la normalizzazione e quindi di conseguenza è molto probabile che il Comune rinuncerà a chiamare una ditta esterna anche se sino alla tarda mattinata di ieri non è arrivata nessuna notizia ufficiale in tal senso. Ma intanto sono andati in fumo oltre 60 tonnellate di raccolta differenziata. Ieri per il terzo giorno consecutivo il personale operativo del cantiere del capoluogo di Ennaeuno ha lavorato regolarmente nella raccolta dei rifiuti. Ma purtroppo per quanto era successo nei giorni precedenti quando a giovedì a domenica la spazzatura è rimasta per strada, per non meno di 120 tonnellate, in questi giorni si sta lavorando raccogliendo tutto senza nessuna distinzione. Da fonti ufficiali della stessa società Ennaeuno, ieri era stata raccolta circa il 70 per cento della spazzatura rimasta in giro nei giorni precedenti. Considerando che si lavora anche oggi e domani ma non la domenica è molto probabile che in questi due giorni si riuscirà a liberare la città dai rifiuti in esubero mentre la raccolta differenziata secondo il regolare calendario riprenderà da lunedì prossimo. Quindi in considerazione che la situazione tende a normalizzarsi è molto probabile anche se ancora non è arrivata la conferma che il Comune non porti avanti la richiesta di intervento di una ditta esterna. Ma ad ogni modo la situazione nel comparto rimane lo stesso molto tesa. Infatti secondo gli accordi presi dai sindaci nell’ultima assemblea dei soci di Ennaeuno, al personale operativo dovrà essere pagato lo stipendio per intero e non al 70 per cento ed entro 2 settimane il rappresentante legale della società Ennaeuno Antonino Di Mauro dovrà trovare soluzioni per la riduzione dei costi. Se non dovesse accadere gli stessi sindaci hanno paventato di portare i libri contabili della società in Tribunale decretandone il fallimento. Ma c’è anche chi prospetterebbe la revoca del mandato allo stesso Di Mauro. Intanto il sindacato sta alla finestra in attesa degli sviluppi degli eventi. “Il sindacato in questi giorni ha confermato grande senso di responsabilità portando sul tavolo una proposta per la riduzione dei costi – ha commentato il segretario generale territoriale della Cisl Tommaso Guarino – adesso spetta sia alla società che ai sindaci fare delle proposte ed eventualmente insieme trovare un momento di sintesi”.

Visite: 423

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI