Enna, domani al Caffè Letterario Al Kenisa si presenta i libro di Gloriana Orlando “E noi sull’illusione”

GLORIANA ORLANDO
“E NOI SULL’ILLUSIONE”
UN NOIR ANOMALO SUL FEMMINICIDIO

INTRODUCE
PIERELISA RIZZO GIORNALISTA
Venerdì 5 dicembre 2014 h 18.30
AL KENISA – ENNA

Sulle illusioni…
Presentazione del nuovo romanzo di Gloriana Orlando
Di Angelica Ruggeri
Il nuovo romanzo di Gloriana Orlando è stato presentato alla Feltrinelli di Catania in un’affollatissima sala circondata da libri, luogo ideale per incontri di questo tipo. Dinanzi ad un pubblico attento e… curioso tre relatori si sono avvicendati per parlare di “E noi sull’illusione…” titolo enigmatico e denso di significati che, ci è stato rivelato da Sonia Patania organizzatrice dell’evento e ottima “padrona di casa”, è un palindromo, può cioè essere letto sia da sinistra a destra che viceversa. E per questa scelta ci sarà un motivo… Ma non voglio anticiparvi nulla.
     Laura Lombardo, docente di Lettere e cara amica dell’autrice, ha dato il via presentando il personaggio di Anna (anche il nome della protagonista è un palindromo), una ragazza fragile, almeno all’apparenza, che dopo un’infanzia spensierata e gioiosa, si è scontrata con le avversità di una vita improvvisamente svuotata degli affetti più cari. Unica luce una storia d’amore di cui racconta in un diario. Ma la vita è ancora avara con lei, l’amore con un uomo di cui rivela solo l’iniziale del nome è tormentato e spesso fonte di sofferenza. Leggendo i passaggi più importanti la Lombardo ha mostrato gli snodi psicologici del carattere della protagonista e ha stuzzicato la curiosità dei presenti arrestandosi al punto cruciale della vicenda, quando sta per accadere qualcosa… che si è guardata bene dal rivelare.
    L’avvocato Isabella Altana si è soffermata sugli aspetti “legali” della vicenda, non dimentichiamoci che si tratta di un giallo che anzi lei ha definito “legal thriller” perché la seconda parte del romanzo è occupata dall’inchiesta per l’assassinio di una donna, un tema purtroppo di scottante attualità che ha meritato la creazione di un neologismo, femminicidio. La conclusione della sua intensa riflessione sul libro è stata amara, dalle pagine del romanzo si scopre che spesso la realtà giudiziaria non coincide con la realtà effettiva, non sempre la giustizia riesce ad essere giusta.
     Ezio Donato, regista del Teatro Stabile, coordinatore didattico nella Scuola d’Arte Drammatica “Umberto Spadaro” e amico dell’autrice dai tempi dell’adolescenza ha scovato, nelle pieghe dell’anima di Anna, molte tracce “letterario-autobiografiche”. Ha infatti messo in evidenza l’amore dell’autrice per Pirandello, un amore dichiarato fin dall’epigrafe in cui riporta una frase tratta da “L’uomo dal fiore in bocca”. E Pirandello ritorna nella storia come personaggio a cui di volta in volta la protagonista attribuisce sentimenti a tratti contrastanti tra loro, a seconda del suo stato d’animo, finendo per identificarlo con l’uomo che ama. Ma da profondo conoscitore dell’agrigentino Ezio Donato ha trovato persino nel titolo delle chiare influenze pirandelliane di cui l’autrice ha confessato di non essere consapevole, a riprova del fatto che Pirandello può ormai considerarsi inscritto nel suo DNA, e ha concluso l’intervento leggendo un passo dei “Sei personaggi in cerca d’autore” in cui il Padre afferma: “Ora, se lei pensa che noi come noi non abbiamo altra realtà fuori di questa illusione! […] Quale altra? Quella che per loro è un’illusione da creare, per noi invece è l’unica nostra realtà”.
    Molte domande sono seguite, alle quali Gloriana Orlando ha risposto con la sua solita verve raccontando come scrive “saltuariamente” ed in modo assolutamente fuori dagli schemi, senza seguire un ordine cronologico, più romanzi contem-poraneamente, riuscendo a controllare le storie senza mai “confonderle tra loro”, partendo molto spesso dalla fine e procedendo a ritroso, come nel diario di Anna. Ecco spiegata la scelta del titolo, infatti la prima parte può essere letta indifferentemente in ordine cronologico o inverso. E questo è un elemento indispensabile all’indagine. Non posso dirvi altro per non rovinarvi le svariate sorprese che il libro vi riserverà. Buona lettura.
Visite: 582

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI