Enna; Comitato promotore per i diritti dei cittadini incontra Gruppo Consiliare Pd

PROFICUO INCONTRO CON IL GRUPPO CONSILIARE DEL P.D.

Nel programma del Comitato promotore per i diritti dei cittadini di incontrare tutti i gruppi consiliari, cosa che per quanto riguarda alcuni già il Comitato li ha incontrati, il giorno 7 giugno 2015 ha incontrato il gruppo consiliare del PD, presenti il capogruppo Salvatore Cappa, i consiglieri Stefania Marino, Giuseppe Savoca, Stefano Rizzo e Paolo Timpanaro. Per il Comitato la delegazione era formata da Giuseppina Seminara, Rosaria Calcaterra, Paolo Mantegna, Vincenzo Martello e Gaetano Vicari.

La discussione è stata improntata principalmente su alcuni servizi, vedi gabinetti pubblici, pensiline e viabilità, compresi quei vasi sistemati da piazza Balata in poi, creando difficoltà e seri problemi in caso di urgenza dei mezzi di emergenza; per la cultura e turismo per la valorizzazione dei siti importanti, da mettere delle targhe per la corretta informazione, così onde evitare anche incominciando da non confondere il ceppo di pietra dura che segna il centro della Sicilia con l’obelisco della pace che si trova anche lì vicino, così è giusto per tutti gli altri siti storici.

Un approfondimento con una esauriente documentazione consegnata riguarda la toponomastica, vedi piazza S. Maria del Popolo, omessa nelle delibere del Comune, del piano Triennale, della riqualificazione del quartiere del Popolo e nella deliberazione del T. U. di tutte le vie e piazze del 2014, così anche per la piazza Pulcini diventata piazza Puccini, abusivamente, perché non è mai esistita, ma anche per le denominazioni che non sono state tenute presenti località storiche e mitologiche, oltre le targhe scomparse di vie e piazze come quella dello scultore Via Giovanni Gallina ed altre.

Nella documentazione consegnata riguardante la piazza S. Maria del Popolo ancora una volta è stata portata a conoscenza, che quella piazza già esisteva dal 1978, come risulta da tutti gli atti ed il Comune stesso, incaricava l’ufficio tecnico per fare un progetto per la “sistemazione della Piazza S. Maria del Popolo”, come risulta all’oggetto da tutti gli atti del Comune. Per la realizzazione della sistemazione della piazza compreso l’interrato da essere utilizzato per parcheggi, furono spesi L. 160.000.000 e poi successivamente L. 65.889,554 per la fontana, opere che tutti possano constatare e vedere realizzate.

Inoltre nella deliberan.263 del 11-10-2009, a fianco del nominativo indicato della presunta proposta del-cambio di denominazione figura scritto “ex Sindaco”, che non risulta da nessuno atto che abbia ricoperto tale carica istituzionale, pertanto la targa che abusivamente è stata installata in quella piazza deve essere tolta. Per queste valide motivazioni e di violazioni delle leggi sulla toponomastica, è giusto che il Sindaco per l’ autotutela, revoca quella delibera.

Altre violazioni, la non applicazione della decisione del Consiglio comunale del 31-1-2011 che decise di nominare la Commissione Toponomastica e di “rivisitare” tutte quelle denominazioni che furono fatte. Solo ora dopo diversi anni, 2016, è stata nominata la Commissione toponomastica ed ancora non insediata, ora si spera che il primo lavoro della commissione sia quello di procedere ad applicare la decisione del Consiglio comunale per il rispetto al consesso civico che rappresenta tutta la città.

Questo discorso vale anche per la piazza Pulcini che si trova già nell’elenco del catasto del 1880,per indicare dove si trovavano le chiese di S. Matteo e del Collegio di Maria e in ultimo nella toponomastica del dott. Angelo Vetri del 1965, completa di biografia e dove si trovano le vie e le piazze. Ma non si sa perché e quando e da chi è stata tramutata in piazza Puccini omettendo la piazza Pulcini.

La riunione si è conclusa con l’impegno di continuare con altri incontri. Intanto un impegno del capo gruppo consiliare è stato assunto che sarà presentata una interpellanza per avere notizie dei lavori dell’ex CISS di Pollicarini, che è nata per fare una casa di accoglienza interprovinciale per i malati fisici e psichici, il quale interessamento è stato da questo Comitato iniziato nel 1996, che ha trovato disponibilità di portare avanti questo progetto dall’allora Sindaco Antonio Alvano e dal Direttore dell’USL Francesco Naro anche con il procurare il finanziamento.

Si voglia sperare che questa opera dove sono stati spesi molti soldi, finalmente può essere completata ed entrare in funzione.

Visite: 449

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI