Enna, Assistenza domiciliare agli anziani: Cgil, Cisl e Uil chiedono elemosina

Oggetto: Manifestazione in Piazza Coppola per chiedere l’elemosina ai cittadini Ennesi per l’Assistenza domiciliare agli anziani.

L’amministrazione comunale di Enna, dopo tante nostre proposte e proteste ha fatto partire l’assistenza domiciliare lunedì 29 settembre. Il comune di Enna ha proseguito sulla propria strada senza tenere in nessun conto delle proposte e delle richieste degli anziani avanzate attraverso questi Sindacati dei pensionati.
In particolare con il suo fare:
1 -ha cancellato, di colpo, 5 posti di lavoro dal momento che ha ridotto da 176 a 135 il numero di assistiti;
2 – ha mantenuto una soglia di sbarramento a 9.000 Euro quindi, se si tratta di una famiglia di 2 pensionati con il solo reddito da pensione, di 346 Euro mensili;
3 – non ha distinto l’assistenza domiciliare semplice da quella integrata,
4 – non utilizza nemmeno un centesimo di fondi comunali ma solo quelli dell’Unione Europea;
5- ha peggiorato il servizio, invece di migliorarlo contrariamente a quanto indicano le disposizioni per l’utilizzazione dei fondi europei;
6 – continua nella cantilena del “non abbiamo soldi” mentre butta alle ortiche ben 1 milione e 600 mila euro di residui attivi del bilancio 2013 mentre sarebbe bastata una variazione di bilancio entro il 30 novembre;
7 -non stabilisce corrette relazioni sindacali.
Nessuna proposta è stata ascoltata dall’Amministrazione Comunale. Di fronte a questo comportamento di totale chiusura, di fronte ai molti anziani che non potranno fruire di alcuna assistenza, di fronte alla totale insensibilità dimostrata,di fronte a decisioni unilaterali, questi sindacati indicono una prima manifestazione pubblica di protesta da realizzarsi LUNEDI’ 13 Ottobre. Tale manifestazione si svolgerà in Piazza Coppola, davanti al Comune dalle ore 10,30 alle ore 12,30 e consisterà nella richiesta dell’elemosina ai cittadini, mediante piattino, cappello, o semplice stesura della mano. Il ricavato, anche di un solo centesimo, sarà, poi, versato nelle casse del comune. Questa prima manifestazione, non vorrà dare alcun fastidio né creare disagio ai cittadini, sarà assolutamente pacifica, non prevede l’interruzione del traffico.
Alla manifestazione sono chiamati a partecipare i pensionati, gli anziani, i lavoratori del settore e qualsiasi altro cittadino. La manifestazione tende a:
riaprire il bando di accesso all’assistenza domiciliare agli anziani modificandolo profondamente per superare l’ispirazione inquisitoria, minacciosa e decimatoria;
distinguere l’assistenza domiciliare per gli anziani non autosufficienti da quella per gli altri anziani;
eliminare la soglia di ingresso che risulta essere estremamente bassa, utilizzando, semmai, qualche altro strumento;
riportare il numero degli anziani assistibili almeno a 176 come era prima dell’emanazione di questo bando;
salvaguardare i livelli occupazionali.
Non sappiamo se l’amministrazione Comunale continuerà, pervicacemente, su questa strada sbagliata. Noi sappiamo di certo che di fronte ad ulteriore insensibilità non ci fermeremo.
Sigfrido Fadda Enzo Canu Filippo Manuella

Visite: 699

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI