Enna, alla Pro Seme il Professore Nino Buttitta ha parlato della “Sicilia Isola del Vino”

Il prof. Nino Buttitta e’ stato il relatore di un’ importante conferenza tenuta presso la sala conferenza di Proseme dal titolo ” L’isola del vino “. Non è una novità’ che Roberto Angileri, amministratore delegato della Proseme, insieme a Pippo Accascina della Proloco di Valguarnera, organizzano eventi culturali con relatori di prim’ordine e con argomenti che interessano spesso il comparto agricoltura.
Il prof.Nino Buttitta, nato a Bagheria, ritenuto da tanti il miglior antropologo vivente, tiene ad essere presentato come ebreo, figlio di madre Giudea che riuscì a portarlo dal famoso Einstein dal quale apprese molto.
La storia racconta che i primi vitigni in Sicilia furono portati dagli antichi greci. In seguito un continuo sviluppo soprattutto per l’inzolia bianco e rosso e il rosso dell’Etna. Nonostante l’invasione dei berberi musulmani e non degli arabi come erroneamente viene detto, il vino conosce in Sicilia una fase di declino per le loro tradizioni. Il settore si risolleva con l’avvento degli Aragonesi e successivamente con gli inglesi della famiglia Ingham e Whitaker  che del vino in Sicilia ne fanno cultura e commercializzazione dei vini di Marsala. Lo slancio finale avviene con le famiglie Florio e del duca di Salaparuta che ancora oggi sono leader di mercato con note etichette. Una per tutte il vino Corvo. Da regione con vocazione all’export di vini da taglio per i bordeaux francesi ai giorni nostri con moltissime cantine titolari di note etichette nel mercato mondiale e spesso premiate nella manifestazione principe a livello mondiale ” Vinitaly “.
Sicilia, storia di tradizioni e prodotti, che purtroppo spesso passano di mano ad imprenditori non locali. Meno male che ci sono loro. Rischiamo di avere ottime terre, buoni prodotti, eccezionali risorse umane ed essere isolati dal mercato.
Sicilia regione ricca di manovali ma con pochi muratori.

Visite: 582

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI