Enna al via l’attività della scuola di Musicoterapia “Musica Ribelle Aleteia”

Un vero successo di partecipazione per il convegno scientifico organizzato dalla Scuola Aleteia diretta dal professore Tullio Scrimali, tenutosi giovedì 12 nell’accogliente auditorium “Vittorio Guidano”, in via Dante. Il convegno “Musicoterapia, Cura, Riabilitazione” è stato realizzato per presentare ufficialmente il nuovo corso di studi di Musicoterapia, che sarà avviato a Enna nel febbraio 2016. Più di settanta gli interessati, giovani e professionisti, che sono accorsi da tutte le province della Sicilia per conoscere la nuova realtà didattica che sta per nascere a Enna, avvalendosi appunto dell’esperienza venticinquennale del Centro Aleteia, accreditato dal Ministero. “Musica Ribelle”, sarà un corso triennale per gli studenti in possesso di diploma di scuola media superiore e biennale invece per coloro che posseggono già una laurea avendo uno scopo professionalizzante. In entrambi i casi sarà rilasciato il diploma di Musicoterapeuta, spendibile e riconosciuto in tutta Italia. La Scuola “Musica Ribelle” segue i criteri  formativi indicati da AIM e, pertanto, i suoi diplomati potranno accedere al percorso di iscrizione al Registro dei Professionisti della Musicoterapia. 

«Il progetto sembrava visionario ma i primi dati mi danno ragione – dice Scrimali, che è una fucina di idee – in questo ambito, infatti, c’è una forte richiesta di formazione e poi la nostra struttura sarà impiegata per altre attività satelliti. L’idea – spiega – è di realizzare nel tempo un polo di musica tout court. L’aleteia, diventerà anche un veicolo di promozione del linguaggio musicale come linguaggio per il benessere».

In molti anni di pratica clinica ed insegnamento di Psicologia Clinica, Psicoterapia e Musicoterapia, presso l’Università di Catania, il fondatore e Direttore della Scuola, Professore Tullio Scrimali, ha sviluppato un modello cognitivo-complesso per questa tipologia di intervento terapeutico e riabilitativo che vede il processo musicale integrarsi nel trattamento del paziente afflitto da disagio psichico.

Durante l’intera giornata, vi è stata un’ampia trattazione degli aspetti normativi e organizzativi che regolano la scuola di Musicoterapia, sono stati sviscerati gli aspetti scientifici della disciplina e illustrate le applicazioni di essa nei vari ambiti. Padrino d’eccezione e relatore Ferdinando Suvini, Vicepresidente della  European Music Terapy Confederation (EMTC) e Presidente della Associazione Italiana dei Professionisti della Musicoterapia (AIM), che ha rendicontato sui progressi scientifici e i nuovi inquadramenti normativi che regolamentano la figura professionale. Medici, neuropsichiatri infantili, psichiatri sempre più spesso inseriscono nella loro equipe il musicoterapeuta.

«La prospettiva di aprire un corso qui a Enna è molto interessante – ha commentato Ferdinando Suvini – questo centro sarebbe un punto di riferimento molto importante anche per la posizione strategica della città che è raggiungibile da tanti punti diversi della Sicilia».

Scrimali: «La nostra è scuola di psicoterapia con residenzialità, lo stesso criterio adotteremo per “Musica Ribelle”. È stata infatti realizzata una foresteria dove potranno alloggiare gratuitamente tutti gli allievi che verranno da altre province (fino a 20 persone) poiché le attività si svolgeranno nel week end».

Viene ridimensionato dunque il problema dei trasporti, l’idea è infatti di seguire la filosofia dei college residenziali quindi a Enna una scuola con un impianto europeo.

Visite: 783

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI