Enna, al via da venerdì scorso a “regime ridotto” della Raccolta Differenziata “Porta a Porta”

I problemi non mancano ma “eppur si muove”. Si può commentare in questo modo l’avvio a “regime ridotto” della raccolta differenziata “Porta a Porta” nella parte alta della città iniziata venerdì scorso con il primo giorno di raccolta dell’umido e ieri della indifferenziata. E dopo la pausa di oggi il servizio riprenderà regolarmente da domani con il calendario già pubblicizzato nelle scorse settimane vale a dire con la raccolta dell’umido e vetro domani e a seguire: martedì indifferenziato, mercoledì umido, giovedì carta e plastica, venerdì umido e sabato indifferenziato. Ma i problemi di carattere organizzativo non sono mancati anche per una incomprensione nella comunicazione sull’avvio del servizio tra Comune e Ennaeuno. In particolare c’è ancora gente che non ha ricevuto il kit dei sacchetti di diverso colore che servono per effettuare la raccolta. Ma lo stesso dirigente tecnico provinciale di Ennaeuno Roberto Palumbo precisa che attualmente nella parte alta della città sono stati distribuiti circa 6 mila e 500 kit, che equivalgono a circa il 90 per cento di coloro che lo dovrebbero richiedere. Entro i prossimi giorni tutti dovrebbero essere messi nelle condizioni di averlo. Ma ad ogni modo per velocizzare le procedure, Ennaeuno ha attivato in città quattro punto di distribuzione, vale a dire in viale Diaz, presso i suoi stessi uffici in Corso Sicilia, presso l’autoparco del Comune nella zona Pisciotto e nei locali del Comune al teatro Garibaldi in piazza Municipio. Quindi coloro che fossero ancora sforniti di Kit potranno recarsi in questi punti per farseli consegnare. Altro problema è quello riscontrato nei palazzi dove pare che gli amministratori dei condomini hanno ancora problemi su come e dove fare collocare i contenitori dove poi saranno messi i sacchetti delle diverse frazioni di rifiuti da ritirare. Questo inconveniente avrebbe poi un effetto domino sulla raccolta stessa. Ma da Ennaeuno assicurano che in corso d’opera monitorando giornalmente il servizio anche questo inconveniente sarà risolto. L’obbiettivo prefissato sia da Ennaeuno che dal Comune è quello di raggiungere nel giro di pochi mesi una percentuale di differenziata di non meno del 35 per cento che equivale a circa 13 tonnellate al giorno. Ma intanto da Legambiente arrivano critiche. Secondo il dirigente dell’associazione Giuseppe Amato sul volantino esplicativo sulle modalità di funzionamento del servizio e la tipologia di frazione da differenziare, si è dimenticati di inserire frazioni come i materiali ferrosi e l’alluminio con la gente che non sa come disfarsene e dove eventualmente collocarli. Ma moderatamente soddisfatto per come sono andate queste prime due giornate lo è il direttore tecnico di Ennaeuno Roberto Palumbo. “Certo non è assolutamente momento di parlare di quantità ma sono ottimista per la risposta che abbiamo avuto dagli ennesi – ha commentato – il dato certo è che la gente a Enna vuole fare la raccolta differenziata”.

Visite: 500

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI