Enna al via corso di Analisi Scientifica delle espressioni facciali”

Se ne parla per la prima volta in Sicilia, anche se le tecniche di analisi della comunicazione non verbale vengono utilizzate in ambito clinico e giuridico da decenni negli Usa e da qualche anno anche nel Nord Italia.

Dopo la giornata di studi proposta nei giorni scorsi a Enna, diverse tecniche di codifica del comportamento facciale saranno proposte dai due esperti della Neuro Com Science di Gorizia Silvia Fasciano e Filippo Borrello a Palermo, in un corso di “Analisi scientifica delle espressioni facciali” che si terrà venerdì 30 e sabato 31 gennaio alla sala Fonderia Oretea di piazza Fonderia.

 

Il corso, mettendo a confronto diverse tecniche di analisi del comportamento facciale, consente una preparazione mirata a svolgere analisi a livello mimico, applicata efficacemente in Criminologia, Ingegneria, Selezione del personale, Risorse umane, coaching, neuromarketing, clinica, Pedagogia, giornalismo e arte. Per info iscrizioni e costi: formazione@neurocomscience.org e http://lab-ncs.com/

 

Particolare interesse, intanto, ha suscitato il convegno “La Psicopatia: ambito clinico, giuridico e tecniche di analisi non verbale”, tenutosi il 24 gennaio al Palagiustizia di Enna, giornata di studi fortemente voluta dalla Procura di Enna e organizzata grazie al sostituto commissario della polizia di Stato Mario Giannotta in collaborazione con l’Ordine degli avvocati di Enna. Il docente di Psicologia criminologica all’Unikore di Enna, Giuseppe Craparo, ha illustrato le caratteristiche della Psicopatia, il loro riconoscimento grazie alle tecniche della comunicazione non verbale e le diverse tipologie di soggetti psicopatici rintracciabili, proponendo una riflessione sull’imputabilità dello psicopatico in ambito giudiziario (citando ricerche personali in ambito carcerario e casi di cronaca nazionale). Lo spunto è stato ripreso dal sostituto procuratore della Repubblica di Enna, Francesco Rio, che ha sottolineato l’importanza di tali studi nell’ambito di audizioni di minori. Il consigliere dell’Ordine degli avvocati Franco Puzzo ha poi sottolineato come queste nuove tecniche scientifiche possono fornire un utile apporto nel processo. E Giovanni Mennella, maggiore del comando provinciale dei carabinieri di Enna, ha aggiunto come le tecniche della comunicazione non verbale siano già una prassi nel Racis (Raggruppamento carabinieri investigazioni scientifiche). Sono stati, infine, gli esperti della NeuroComScience di Gorizia Filippo Borrello e Silvia Fasciano a illustrare le diverse tecniche di analisi non verbale e una rassegna scientifica sull’argomento, spiegando come sia possibile “leggere il volto umano come un libro”, con focus sul riconoscimento della menzogna ed una possibile analisi non verbale degli psicopatici.

 

Laddetto stampa

Visite: 639

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI