Enna, al Rotary si è parlato di “Screening – Nuovo registro tumori”

La provincia di Enna riguardo alle patologie tumorali si piazza al 5 posto in Sicilia per gli uomini ed all’ultimo per le donne. I dati sono stati forniti dal Direttore Sanitario dell’Asp Emanuele Cassarà nel corso della conviviale di lunedì scorso del Rotary Club di Enna, presieduto da Dario Cardaci, dal tema “Screening – Nuovo Registro Tumori”. All’incontro hanno anche partecipato il Direttore Generale ed Amministrativo dell’Azienda Sanitaria provinciale Giovanna Fidelio e Lanza oltre che la nuova dirigente scolastica dell’istituto alberghiero Federico II di Enna Giusy Gugliotta. Cassarà ha fornito un’ampia informativa sul Nuovo Registro Tumori introdotto in provincia di Enna dal 2009. Considerato che i tumori costituiscono la seconda causa di mortalità dopo i fenomeni cardiocircolatori, risulta di essenziale importanza disporre di precisi riferimenti sul numero, qualità e localizzazione dei principali fenomeni tumorali. Secondo i dati forniti da Cassarà l’incidenza dei fenomeni oggetto di studio si è mantenuta su valori stabili nel tempo e quindi di origini non ascrivibili a fattori esterni come le antenne per la trasmissione di dati e immagini introdotte. Ma l’attività di Screening è di fondamentale importanza nell’attività di prevenzione che ha come obbiettivo: proteggere il singolo; controllare le malattie nelle popolazioni; circoscrivere le malattie e, se possibile, eradicarle. Cassarà ha enunciato vari esempi di “prevenzione primaria”, quali la vaccinazione, l’educazione alimentare e stradale. Ha poi trattato l’argomento della “prevenzione secondaria” che ha l’obiettivo di scoprire e guarire i casi di malattia tramite la diagnosi precoce. Attualmente sono tre i tumori per cui la scienza ha dimostrato che lo “screening” è in grado di salvare molte vite, tumore alla mammella, del colon-retto e della cervice uterina. Il relatore ha riferito alcuni dati aziendali, dai quali si rileva come per il tumore alla mammella su 1307 invitati sono state eseguite solo 193 prestazioni, mentre per il colon-retto si sono avuti 14.900 inviti e 3.879 prestazioni con 9 risultati positivi al tumore. Emerge quindi la necessità di diffondere un’ampia campagna informativa in materia con il coinvolgimento anche del sistema scolastico.

Visite: 534

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI