Emergenza rifiuti; tagli ai costi; ecco la ricetta dei sindacati

Il sindacato sa assumersi le proprie responsabilità. Lo hanno affermato ieri mattina nella sede della Uil i segretari provinciali del settore rifiuti di Cisl, Uil e Fiadel Mario Stagno, Filippo Manuella e Salvatore Sauro presentando la loro proposta di contenimento dei costi nell’ultimo incontro lo scorso 23 febbraio con il rappresentante legale di Ennaeuno Antonino Di Mauro. Prevede tagli sia sul costo del lavoro che sui servizi che a media scadenza sono di oltre 8 milioni di euro ma che nell’immediato di non meno di 5 su un consto complessivo di poco più di 27 milioni “Almeno questo è il costo del servizio fornito dal dottore Di Mauro e risalente al 2014 – commentano i 3 sindacalisti – il sindacato da oltre 2 anni chiede di arrivare ad una definizione dei costi – precisa Stagno – vogliamo capire chi ha volontà di trovare una soluzione” “Fermo restando – gli fa eco Manuella – che quando si parla di riduzione di costo del lavoro si prevede l’applicazione dei contratti di solidarietà e che il contratto di riferimento rimane quello di Federambiente”. Tra le voci di riduzione si parte da un 20 per cento di stipendio lordo e ore di lavoro sul personale tecnico amministrativo anche di cantiere una novantina in tutto sui 413 complessivi in organico con un taglio di circa 800 mila euro, il taglio dei 15 superminimi circa 140 mila, il trasferimento dei costi per una quota di 20 amministrativi e 5 operativi del Comune di Piazza Armerina verso l’Ato di Gela con un risparmio di circa 550 mila euro, un taglio di circa il 30 per cento degli stipendi dei dirigenti circa 80 mila euro. Ed ancora il ritorno nei comuni di provenienza di una trentina di unità oggi in posizione di comando su Ennaeuno Inoltre la previsione a medio termine di una trentina di prepensionamenti con un risparmio a regime di circa 1 milione e mezzo di euro. E’ stato chiesto anche un “sacrificio” economico del 20 per cento agli amministratori. “Questi sacrifici sarebbero sopportati solo dal personale dal quinto livello in su e full time – aggiunge Sauro – sia il part time che dal quarto livello in giù non è interessato. E l’applicazione del contratto di solidarietà comporterebbe un recupero di parte del salario perso”. Sui risparmi sul costo dei servizi Cisl, Uil e Fiadel puntano in particolare su una ottimizzazione dei costi delle assicurazioni dei mezzi, acquisto carburante, nolo dei mezzi, manutenzione nelle officine, affitto locali. Ma anche della riapertura della discarica con un risparmio di circa 1 milione e mezzo. “Noi la nostra parte la vogliamo fare – continua Stagno – adesso che i sindaci onorino i loro obblighi di legge sul servizio ricevuto. Da fonti fornite dal commissario straordinario Eugenio Amato ci sono comuni che devono saldare il 2015 per quasi 300 mila euro ed addirittura gennaio 2016 è stato pagato solo da 9 comuni su 19 e tra questi Enna al 50 per cento”.

Visite: 598

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI