Emergenza rifiuti: il Commissario Straordinario Sonia Alfano: “I Comuni dovranno pagare quanto loro spetta”

Era destinato a ritornare tutto nella normalità nella tarda mattinata di ieri nel capoluogo dove giovedì scorso la raccolta differenziata si è bloccata perché la ditta che noleggia i mezzi all’AtoEnnaeuno li ha fermati per non aver ricevuto dalla stessa il quanto dovuto. Ma ieri grazie all’intervento del commissario straordinario della Srr inviata dalla Regione Sonia Alfano tutto si è risolto come la stessa ha confermato interpellata telefonicamente. “Stamattina (eri mattina per chi legge ndr) abbiamo risolto il problema – ha detto – quindi il servizio di raccolta riprenderà regolarmente”. Ma il problema della mancanza di risorse economiche sia per il pagamento degli stipendi ai dipendenti che per la gestione stessa della società è però sempre dietro l’angolo sia perchè di soldi ce ne sono pochi sia perché quei pochi che ci sono sempre a rischio di essere pignorati da vari decreti ingiuntivi. Ad ogni modo la Alfano va avanti per la sua strada. “Per giovedì prossimo ho convocato una assemblea dei soci (i sindaci) di Ennaeuno con all’ordine del giorno la problematica finanziaria – afferma – sono arrivata a Enna e non ho trovato un comune che avesse sottoscritto con l’Ato il contratto di servizio dove si evince il vero costo del servizio. E’ la legge che dice che il costo è quello stabilito dal contratto e non dal deliberato dai consigli comunali. Quindi tutti i comuni cui alcuni sono già stati messi in mora anche per altri motivi, dovranno immediatamente sottoscrivere il contratto di servizio e versare così all’Ato Ennaeuno quello che effettivamente devono dare non quello che loro hanno stabilito attraverso il consiglio comunale mettendo poi in crisi la società stessa”. Nei giorni scorsi la Alfano ha effettuato un blitz negli uffici di Ennaeuno trovando irregolarità di alcuni dipendenti. “E non sarà ne la prima neanche l’ultima volta che farò delle “visite” a sorpresa. E’ stato fatto negli uffici ma sarà fatto anche nei cantieri”. La Alfano conferma che ci sono tante cose che ha trovato che non la convincono. “Sicuramente coinvolgerò la Corte dei Conti ma anche la Magistratura ordinaria. Io sono abituata a lavorare nel rispetto delle regole, norme e leggi. Se questo non è stato fatto è inevitabile che siano interpellate Corte dei Conti e Magistratura”. Da sempre si dice che per fare calare il costo del servizio si deve puntare con decisione alla raccolta differenziata. Ancora circa la metà di comuni che fanno parte dell’Ato non l’hanno ancora avviato. Ma chi l’ha fatto però si muove autonomamente senza un minimo di raccordo con la struttura centrale. “Anche in questo caso – conclude il commissario Sonia Alfano – dovrà essere rispettato quello che prevede la legge”.

Visite: 707

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI