Emergenza rifiuti Enna, continua la lenta agonia,; i lavoratori di Ennaeuno fatti “accomodare fuori” dagli uffici

Per la nuova deputazione ennese le due deputate Luisa Lantieri e Elena Pagana anche ancora non ufficialmente insediata arriva la prima grana di cercare di risolvere. Infatti stamattina gli ancora circa 50 dipendenti dell’Ato Ennaeuno, del settore tecnico, amministrativo e dei cantieri provinciali ormai di fatto “figli di nessuno”, senza stipendio da 18 mesi è arrivata l’ennesima mortificazione. Infatti il proprietario dell’immobile che ospita gli uffici in Corso Sicilia, accompagnato dall’ufficiale giudiziario ha provveduto allo sfratto dei locali. In pratica da stamattina 8 novembre questi lavoratori sono senza una sede e non sanno dove andare. E la cosa assurda è che malgrado la notizia si sapesse ormai da giorni stamattina quando era arrivato l’ufficiale giudiziario dei vertici della società in pratica il rappresentante legale Antonino Di Mauro e il commissario straordinario inviato dalla Regione Marcello Loria neanche l’ombra. Solamente nella tarda mattinata i lavoratori sono stati raggiunti dal rappresentante legale Antonino Di Mauro. Ma la situazione non è assolutamente mutata. Così ai lavoratori non rimane altro che da domani giovedì 9 novembre di recarsi nei locali della sede legale della società vale a dire la Provincia. Ma a fare cosa però non si capisce visto che tutti i documenti e strumentazioni varie sono rimasti dentro gli uffici che sono stati di Corso Sicilia. Da domani quindi questa lenta agonia del settore dei rifiuti continuerà ancora in tutta la sua drammaticità.

Visite: 2654

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI