Emergenza Precari: l’On. Maria Greco presenta Emendamento

L’emergenza Province è al capolinea. Non sfugge più a nessuno che lo scontro politico tra la Regione e lo Stato sulla legge di riordino degli Enti ha prodotto come conseguenza il caos istituzionale e gestionale. 

Le ex Province sono sull’orlo del dissesto, prima fra tutte la Provincia di Enna la cui resa è imminente.

In mancanza di finanziamenti, è impossibile chiudere il bilancio e quindi per i precari ancora nessuno contratto, non sarà garantito nessun servizio e per i dipendenti l’imminente provvedimento della messa in mobilità.

Del grave problema è stata informata l’onorevole Maria Greco che nei giorni scorsi ha incontrato i vertici amministrativi dell’Ente e i dipendenti ed ha assicurato un suo immediato intervento presso il Governo nazionale.

E’ sul prelievo forzoso che bisogna intervenire per dare ossigeno agli Enti.

La proposta della Greco, frutto di un sensato ragionamento politico, è di chiedere che il prelievo forzoso venga imposto alla Regione e non alle Province, visto che Governo regionale e l’Ars non adeguandosi alla Delrio e di contro con assicurando la copertura finanziaria   hanno creato una nuova emergenza.

“Ho già chiesto al Governo nazionale- fa sapere la Greco- di assicurare la copertura finanziaria necessaria per lo svolgimento delle funzioni essenziali per consentire la sopravvivenza delle ex Province estendendo il contributo previsto dalla legge di stabilità 2016-2018 anche ai Liberi Consorzi siciliani. Nello stesso tempo ho rappresentato la necessità di una deroga straordinaria al patto di stabilità e l’eliminazione della sanzione per lo sforamento. Ho anche rappresentato- aggiunge la Greco- l’urgenza dell’intervento in mancanza del quale le ex Province non potranno garantire il diritto all’istruzione, la sicurezza degli edifici scolastici, la transitabilità delle strade e i servizi ai soggetti svantaggiati. Non essendo concluso l’iter di riforma delle autonomie locali le ex Province mantengono immutate funzioni e personale che vanno garantiti traslando “il prelievo forzoso “dalle Province alla Regione fino all’approvazione della riforma per scongiurare l’interruzione dei rapporti a tempo determinato e il collocamento in disponibilità del personale in esubero”.

Fonte: Ennamagazine

Visite: 418

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI