Dottoressa violentata a Trecastagni, Fsi-Usae: “Ormai è un bollettino di guerra”

Dottoressa violentata a Trecastagni, Fsi-Usae: “Ormai è un bollettino di guerra”

CATANIA 19 settembre – Una dottoressa di turno alla guardia medica di Trecastagni, è stata aggredita e violentata da un 26enne. “E’ ormai diventato un bollettino di guerra”, dichiara Calogero Coniglio, segretario territoriale della provincia di Catania e coordinatore nazionale Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti aderente alla Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei.

“Non ho parole per commentare l’efferatezza di quanto successo – continua Coniglio – Dico solo che è inconcepibile che, ancora oggi, dopo appelli, denunce, richieste di incontri con i prefetti e comunicati stampa, succedano queste cose. Abbiamo sempre chiesto che le guardie mediche non venissero collocate in periferia ma in centro, in luoghi illuminati e frequentati. Bisogna rafforzare i controlli in tutti i luoghi dove vengono erogati servizi pubblici senza aspettare che prima ci scappi il morto. L’Asp deve fare qualcosa altrimenti deve ritenersi responsabile di quanto sta succedendo”.

Visite: 343

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI