Diga Olivo, c’è ancora acque per irrigare le campagne per una settimana

C’è ancora acqua per una settimana. Dopodichè la stagione irrigua si chiuderà. Succede al comprensorio Braemi in territorio di Barrafranca dove il Consorzio di Bonifica il cui direttore generale è Gaetano Punzi riuscirà a garantire l’irrigazione dei circa 300 ettari di terreno del comprensorio irriguo ancora per pochi giorni. Nessun problema invece per gli altri comprensori irrigui gestiti dall’ente consortile ovvero il Nicoletti a valle dell’omonima diga, in territorio di Leonforte, Sparacollo in territorio di Regalbuto con l’acqua della diga Pozzillo e Sciaguana tra Catenanuova e Regalbuto. Nei tre invasi infatti c’è ancora acqua in abbondanza. Invece nella diga Olivo è arrivata alla soglia di sicurezza ovvero quella da cui non è più possibile prelevare anche per motivi di sicurezza della stessa diga. Così se non interverrà madre natura con le piogge dalla prossima settimana l’irrigazione si fermerà. Ma quello che accadrà al Braemi però in quasi tutti gli altri consorzi di bonifica siciliani è già avvenuto da diverse settimane. Infatti la stagione irrigua del Braemi è una di quelle che è durata di più tra tutti i comprensori irrigui nell’isola gestiti da consorzi di bonifica. Addirittura sino a qualche anno fa la stagione irrigua del Braemi non andava al di la della fine di agosto. Ma grazie ad una serie di interventi che il Consorzio ha effettuato in questi anni la situazione è sensibilmente migliorata. E dal prossimo anno andrà ancora meglio. Infatti dal prossimo anno si potrà utilizzare anche l’acqua recuperata dalle perdite nell’invaso e che sono state riparare e che consentiranno di poter recuperare in un anno non meno di 500 mila metri cubi d’acqua, in pratica l’equivalente della stagione irrigua di 100 ettari di terreno. Inoltre a breve sarà messa in acqua una “zattera” che consentirà di poter prelevare l’acqua dalla superficie e non dalla profondità in modo da evitare problemi di risucchio di fanghiglia nelle condotte. Ed ancora sarà messo in attività l’impianto di telecontrollo che eviterà che le aperture e chiusure dell’acqua vengano fatte manualmente e si eviti di perdere ulteriore tempo e prezioso liquido.

Visite: 521

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI