Consorzio di Bonifica, continua la protesta dei lavoratori

Si va verso il terzo giorno di protesta di una ventina di dipendenti del consorzio di bonifica del cantiere di Sparacollo in territorio di Regalbuto che da lunedì scorso protestano per il mancato pagamento di 5 stipendi con lo sciopero della fame. E pare che la loro protesta stia per essere imitata da lavoratori di altri consorzi di bonifica siciliani. Intanto stamattina un gruppo di questi si era calato all’interno del canale principale che porta l’acqua dalla diga Pozzillo sino a Sparacollo ma poi prosegue anche per i terreni del consorzio di bonifica di Catania e Lentini. L’Enel aveva chiuso l’erogazione dell’acqua per motivi di sicurezza ma con ripercussioni pesantissime per gli agricoltori. Ma fortunatamente gli stessi sono usciti e tutto è tornato alla normalità. Ma i lavoratori di fermare lo sciopero della fame non ne vogliono sentire. Sempre stamattina alcuni lavoratori hanno accusato dei malori facendo richiedere l’intervento del 118 ma fortunatamente senza particolari problemi. Domani mattina assemblea spontanea dei lavoratori nella sede provinciale del consorzio in via Donna Nuova a Enna.

 

Visite: 505

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI