Uil e Cisl Sicilia su Depuratori

Depuratori: Filca Cisl, “Bene commissariamento deciso da premier
Renzi. E ora si proceda a far partire subito i lavori”.

Palermo – “Il prossimo arrivo in Sicilia di un commissario di governo
per la gestione dei fondi e per l’avvio delle opere di depurazione è
una buona notizia ed è la prima risposta concreta ad un allarme che
noi da anni lanciamo sulla necessità di far partire subito i cantieri.
L’auspicio è che dopo questo provvedimento non si perda altro tempo”.
Così Santino Barbera, segretario generale della Filca Cisl Sicilia,
commenta la decisione annunciata oggiAggiungi un appuntamento per oggi dal presidente del Consiglio
Matteo Renzi, di inviare entro la fine del mese un commissario per la
realizzazione degli impianti di depurazione in Sicilia. “Due anni fa –
continua Barbera – avevamo sottolineato l’esigenza imprescindibile di
far partire subito i lavori per queste opere, indispensabili per ovvie
questione di igiene e salute pubblica, per le quali è stato stanziato
1,1 miliardo di euro e la cui realizzazione consentirebbe di dare una
scossa all’agonizzante mondo delle costruzioni isolane. Il governo
regionale ha fatto orecchie da mercante, pensando forse che soltanto
il sindacato avesse rilevato l’incongruenza di tutto questo. Adesso
arriva anche il premier a ricordare all’esecutivo Crocetta che deve
darsi una smossa, a meno di non voler incorrere in commissariamenti in
vari ambiti. La decisione assunta oggiAggiungi un appuntamento per oggi dal presidente del Consiglio è
stato l’unico modo per evitare che questi fondi vadano persi,
lasciando la Sicilia priva anche di queste opere fondamentali”.

 

Depuratori, Gallo (Feneal Uil): “Il Governo Crocetta è indifferente allo sviluppo produttivo. E’ il momento di cambiare rotta”.          

Palermo. “E’ stato necessario un intervento autorevole del premier Renzi per non perdere in fondi destinati agli impianti di depurazione, fondamentali per la nostra regione. Con questo miliardo sarà possibile avviare cantieri per opere importanti e creare occupazione in un momento di forte crisi economica. La politica siciliana, indifferente allo sviluppo produttivo, fino ad ora ha cercato il consenso solo tramite l’assistenzialismo e ha rischiato di perdere anche questa importante occasione”. Lo dice Angelo Gallo, segretario regionale della Feneal Uil, che aggiunge: “E’ giunto il momento di cambiare rotta. Il Governo regionale deve pensare allo sviluppo e all’occupazione ma soprattutto garantire servizi essenziali ai cittadini che pagano tasse sempre più alte”.

 

Visite: 769

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI