Cgil Sicilia su Termovalorizzatori

Rifiuti: Cgil e Fp, “sterile il dibattito sui termovalorizzatori. Alla
Sicilia serve un progetto per un ciclo integrato dei rifiuti cominciando
dalla raccolta differenziata”

Palermo, 25 gen- Quello sui termovalorizzatori per Cgil e Fp Sicilia è
“un dibattito sterile e inadeguato. Serve altro – affermano i segretari
generali Michele Pagliaro e Michele Palazzotto- che una discussione di
carattere ideologico, di fronte alla grave crisi che sta attraversando
la Sicilia. E cioè – sottolineano- un serio progetto che punti alla
realizzazione di un’impiantistica di prossimità per il riciclo e il
riuso delle materie seconde, dando vita , finalmente anche nella nostra
Regione, al ciclo integrato dei rifiuti con caratteristiche
industriali”. Pagliaro e Palazzotto specificano che “è inutile cercare
di nascondere la realtà dei fatti e cioè che, nelle regioni dove si è
realizzata una seria raccolta differenziata, si va verso la dismissione
dei termovalorizzatori. Inoltre- rilevano i due esponenti della Cgil- i
tempi per realizzazione di questi impianti non sono certo compatibili
con l’incombente emergenza discariche, legata al fatto che numerosi
siti nel giro di qualche mese andranno a saturarsi”. Per Cgil e Fp
occorre dunque subito “ incentivare la raccolta differenziata e
consentire la lavorazione dei materiali in siti attigui ai punti di
smistamento; solo successivamente di potrà discutere di un trattamento
termico della parte residua in impianti adeguati ai volumi di rifiuti
non recuperabili”. Quello che serve, per Pagliaro e Palazzotto, è quindi
una nuova strategia, compatibile con le esigenze dell’ambiente e dei
cittadini, che intercetti le risorse che il governo nazionale vuole
destinare per gestire questa grave crisi ambientale nella nostra
regione, per dare impulso e slancio all’economia in un settore che in
altre realtà è stato in grado di creare sviluppo e nuova occupazione”.

Visite: 333

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI