Cgil Sicilia, su governo regionale

Regione: Pagliaro, “Clima pesante su cui fare chiarezza, ma l’azione del
governo Crocetta è in ogni caso inadeguata”

Palermo, 17 lug – “Sulla vicenda di ieri occorre che sia fatta
chiarezza e che emerga la verità. In ogni caso la situazione è grave,
anche nel caso dovesse trattarsi di una bufala, perchè si dimostrerebbe
un clima pesante attorno alle istituzioni regionali di cui la Sicilia
non ha proprio bisogno”: lo ha detto il segretario regionale della Cgil
Sicilia, Michele Pagliaro, aprendo il direttivo del sindacato. Pagliaro
ha aggiunto che “al di là delle valutazioni su fatti che devono ancora
essere chiariti ci sono però alcuni dati incontrovertibili: la
permanente instabilità politica che rende impossibile un’azione di
governo credibile ed efficace, lo stallo per quanto riguarda tutti i
problemi sul tappeto e sulle riforme. E’ a fronte di questo – ha
sottolineato- che ritengo sia comunque indispensabile un chiarimento
politico con l’obiettivo di una svolta. Sul resto – ha rilevato- non
possiamo che attendere che sia fatta luce”. Pagliaro ha ricordato “i
gravi problemi economico- finanzari della Regione, di fronte ai quali si
è fatto ben poco”, inoltre “le mancate riforme: dalla ripubblicizzazione
dell’acqua, ai rifiuti, alle partecipate per arrivare agli assetti
istituzionali e alla formazione professionale”. E ha detto “un bilancio
davvero magro dell’azione di governo mentre la povertà e il disagio
sociale aumentano”.

COMUNICATO STAMPA

Ex Fiat: Fiom Cgil, “Bluetec non sta rispettando l’accordo di dicembre”
Chiesto tavolo al Ministero dello sviluppo economico

Termini Imerese (Palermo), 17 luglio- Resta ancora inattuato l’accordo
con Bluetec , firmato a dicembre scorso al Ministero per lo sviluppo
economico, per il riavvio dello stabilimento ex Fiat di Termini Imerese.
“Ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi – hanno detto Michele De Palma, responsabile del settore Auto
della Fiom nazionale e Roberto Mastrosimone, segretario generale della
Fiom Sicilia in una conferenza stampa- non abbiamo evidenza del
versamento da parte di Bluetec del capitale utile a sostenere il piano
di investimenti, la capitalizzazione e la realizzazione produttiva a
Termini Imerese”. L’accordo del 23 dicembre 2014, raggiunto , ricorda la
Fiom, dopo che Governo e Invitalia hanno garantito la sostenibilità del
piano di investimenti di Bluetec, prevedeva un investimento iniziale di
6 milioni da portare a 18 in 90 giorni. “Ma Bluetec non ha onorato
l’impegno- hanno rilevato De Palma e Mastrosimone- noi chiediamo una
verifica sull’accordo e sull’attuazione del piano nell’ambito di un
tavolo al Ministero per lo sviluppo economico con la partecipazione del
ministro Guidi e del sottosegretario De Vincenti , che hanno partecipato
alla firma dell’accordo. Questo – hanno sottolineato- affinchè ognuno
si assuma le proprie responsabilità. Se la situazione non si sbloccherà
– hanno concluso De Palma e Mastrosimone- come Renzi il 14 agosto
dell’anno scorso si è recato a Termini Imerese assumendosi l’impegno di
risolvere la situazione, il 14 agosto di quest’anno saremo noi a Roma da
lui a rivendicare il rispetto di quell’ impegno”.

 

 

Visite: 560

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI