Cgil Sicilia su danni Statua Falcone

Statua Falcone: Cgil e Flc: Istituzioni rispondano investendo
sull’istruzione, sulla conoscenza e per lo sviluppo. In Sicilia 1
ragazzo su 4 abbandona gli studi

Palermo,11 luglio- “A episodi come quelli accaduti allo Zen e alla
scuola De Gasperi occorre rispondere potenziando gli investimenti
sull’istruzione e sulla conoscenza. Farlo può dare risultati importanti
contro la violenza, la cultura mafiosa, l’indifferenza”. Lo dicono
Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia e Graziamaria
Pistorino, segretaria della Flc Sicilia. “Sconcerto, indignazione,
amarezza, preoccupazione: sono cose ovvie che tutti condividiamo-
aggiungono- ma bisogna andare oltre se si vuole avere un avanzamento sul
piano civile e sociale. Bisogna dare ai giovani presente e prospettive
future. Il presente sta in un sistema formativo e dell’istruzione
valido, il futuro nella possibilità di aspirare a un lavoro e a un
assetto di vita dignitoso nella piena legalità”. Pagliaro e Pistorino
ricordano che “la Sicilia sconta ancora i livelli di dispersione
scolastica più alti d’Italia, il 23,5% ( dato 2016) , che il tempo pieno
è assai ridotto riguardando ad esempio solo l’8% della scuola primaria
contro il 48% della Lombardia, che i servizi ( ad esempio mense e
trasporti) sono assolutamente insufficienti. Alle istituzioni dunque,
specie di fronte a episodi gravi come quelli accaduti a Palermo-
concludono Pagliaro e Pistorino- chiediamo di invertire il trend di
questi anni e di investire sulla conoscenza, per il lavoro e lo sviluppo
della Sicilia”.

Visite: 109

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI