Cgil Sicilia su Comuni in Dissesto

Finanziaria: Fp Cgil Sicilia scrive a Crocetta e Ardizzone per chiedere
emendamenti a tutela dei lavoratori in esubero dei Comuni in dissesto
finanziario.

Palermo, 12 aprile-La Funzione pubblica Cgil siciliana chiede, con una
nota inviata ai Presidenti della Regione e dell’Ars, che siano
presentati emendamenti alla Finanziaria per tutelare i lavoratori in
esubero dei Comuni in dissesto finanziario. Si tratta di 85 dipendenti
di 4 dei 23 Comuni in dissesto (Ispica, Tortorici, Mirabella Imbaccari,
Scaletta Zancle) che sforano i parametri ministeriali del rapporto
dipendenti/abitanti. “Chiediamo – affermano Gaetano Agliozzo e Clara
Crocè, della Fp Sicilia- che la Regione si faccia carico del costo di
questo personale, affinchè siano assicurati gli stipendi ai lavoratori e
i servizi essenziali ai cittadini”. La Fp, in particolare, chiede che
vengano approvati il rifinanziamento e la modifica del comma 8
dell’articolo 6 della l.r. 9 del 2015 e lo stanziamento pluriennale di
2.500.000 euro del comma 8 dello stesso articolo di legge. Tra i 23
comuni in dissesto ci sono anche Bagheria ,Cefalù, Carini, Caltagirone,
Porto Empledocle, Brolo, Milazzo, Tortorici- Comiso . I Comuni in
predissesto sono invece 20 tra i quali Messina, Catania Taormina ,
Modica, Campobello di Licata mentre i Comuni strutturalmente deficitari
sono 18 tra i quali: Capizzi , Rometta , Ustica Oliveri, Pagliara
Valdina, Trecastagni, Trabia, Raddusa .

Visite: 500

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI