Cgil, Cisl e Uil Enna; una “alleanza” con la politica per uscire dalla crisi

Da questo momento di drammatica crisi ci si esce se politica e sindacato lavoreranno assieme. E’ stata questa la parola d’ordine della manifestazione provinciale di ieri di Cgil, Cisl e Uil su lavoro sviluppo e legalità e che ha visto la sala Cerere circa 300 persone . All’iniziativa è intervenuto Salvatore Pasqualetto della segreteria regionale della Uil, oltre che i segretari generali provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Rita Magnano, Tommaso Guarino e Vincenzo Mudaro. Una iniziativa che si è svolta in contemporanea con tutte le altre messe in campo in tutta la Sicilia dai sindacati confederali per denunciare la drammatica situazione economica in cui versa l’isola. E della necessità che politica e sindacato stiano assieme lo hanno ribadito sia Rita Magnano nella sua relazione introduttiva unitaria che il deputato regionale del Pd Mario Alloro, unico parlamentare presente. Rita Magnano ha esposto l’attuale situazione in cui versa il territorio provinciale in tutte le sue criticità occupazionali, ambientali come le emergenze idrogeologiche e viabilità ma anche istituzionali. L’ultima in ordine di tempo la paventata soppressione della Prefettura. Ma per Cgil, Cisl e Uil, se tutto ciò è accaduto è stato anche per colpa di una cattiva politica che sta portando la Sicilia e la provincia di Enna nel caso particolare che sta risentendo molto più degli altri territori la crisi alla deriva. Un emblema su come è stato gestito il territorio è l’area industriale di Dittaino che doveva rappresentare il volano di sviluppo economico di tutto il territorio ma che invece è una sorta di “deserto industriale”. Ma proprio da questa area che rimane sempre da un punto di vista strategico e logistico uno dei siti più importanti della Sicilia potrebbe ripartire il riscatto di un territorio. A patto che si creino le condizioni per investimenti accompagnati da sgravi fiscali e che quindi la politica riprenda il suo importante ruolo”. “Se politica e sindacato non stanno assieme in questo particolare momento non si va da nessuna parte – ha ribadito nel suo intervento Mario Alloro – è vero che la politica deve ritrovare il suo ruolo di autorevolezza che in questi ultimi anni ha perso. Ma anche il sindacato deve fare la sua parte. In Sicilia viviamo un momento drammatico. Ogni giorno assistiamo a delle proteste dai forestali alla formazione professionale. Non ci sono risorse economiche a sufficienza. Quindi anche il governo nazionale deve fare la propria parte. Per questo motivo politica e sindacato in questo particolare momento devono stare insieme”. La platea ha anche ascoltato gli interventi di diversi lavoratori in rappresentanza di numerosi settori come Paolo Castellana per la scuola, Nino D’Alia per il pubblico impiego, Giuseppe Miccihè per la formazione professionale, Floriana Solaro per il mondo giovanile, Paolo Campisi per il settore forestale e della bonifica, Marco Ferro per il commercio, Elio Librizzi per i pensionati.

Visite: 499

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI