Canoa SUL DRAGO SENZA PAURA, IL 6 MARZO A ROMA L’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DEDICATA ALLE PAGAIE ROSA

SUL DRAGO SENZA PAURA, IL 6 MARZO A ROMA L’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DEDICATA ALLE PAGAIE ROSA

Il cancro gli ha cambiato la vita, ma il dragon boat gli ha insegnato a lottare ancora di più. E’ questo quanto vogliono testimoniare e trasmettere le Pagaie Rosa attraverso la mostra fotografica itinerante “Sul Drago Senza Paura”, aperta al pubblico da martedì 6 Marzo alle 18:00 presso la Galleria Centrale del Policlinico Tor Vergata (Viale Oxford, 81 – Roma). L’esposizione di scatti ritrae momenti di allenamento delle Pagaie Rosa: donne operate di tumore al seno che, dopo la malattia, hanno riscoperto la gioia di vivere rimettendosi in gioco attraverso il dragon boat.

La mostra itinerante si propone l’obiettivo di essere presente in tutti gli ospedali romani, per comunicare alle donne operate di cancro al seno che, dopo la malattia e le cure, è possibile rialzarsi e ricominciare, più forti e determinate di prima. Promotore dell’iniziativa l’Associazione “Pagaie Rosa Onlus” per portare un messaggio di positività alle donne che affrontano il travagliato percorso della malattia al seno, perché possano trovare il coraggio di trasformare la paura in energia positiva. Le immagini in questo caso sono più efficaci di mille parole e gli scatti di Salvatore Orfino colgono l’intensità e la forza con cui ogni donna può superare il trauma della malattia.

Gare, allenamenti, risate, fatica, limiti e sostegno, collaborazione e partecipazione, eventi e grandi mangiate, spensieratezza e impegno, condivisione e comprensione: questi valori positivi sono la sintesi perfetta del sentire di tutte le “Dragon Lady” e di ciò che intendono narrare e trasmettere attraverso la mostra “Sul Drago Senza Paura”.

Sono oramai decine di migliaia in tutto il mondo le donne operate per tumore al seno che praticano il dragon boat riuscendo a trasformare l’esperienza della malattia in una opportunità di incontro, condivisione e programmi a lungo termine. Il dragon boat, infatti, favorisce la prevenzione del linfedema o “braccio gonfio” che, dopo intervento per tumore mammario, è una delle complicanze più frequenti ed interessa il 30% delle donne. Al linfedema si associano spesso disturbi dell’articolazione della spalla (spalla congelata) e disturbi di sensibilità del braccio. Vivere bene con il linfedema è possibile se si segue il regolare piano terapeutico e di fisioterapia con “mobilizzazione” dei distretti corporei interessati. L’attività del dragon boat è in linea con l’approccio riabilitativo che considera gli esiti dei trattamenti non come deficit funzionali isolati ma inseriti nel contesto psico-sociale della persona.

Fondamentale il supporto dell’associazione Pagaie Rosa, che ha sostenuto con entusiasmo questa mostra: un importante esempio di continuità assistenziale, di collaborazione, di sostegno reciproco tra ospedale e territorio, tra sport e salute, tra testimonianza e speranza. “L’idea del progetto fotografico – spiega il gruppo delle Pagaie Rosa Onlus – è stata quella di usare delle immagini per portare alle donne operate un messaggio di speranza, mostrando che non solo esiste un “dopo” ma che dopo si può avere una vita piena e avvincente più di prima”.

Visite: 194

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI