Canoa Polo Play Off Scudetto, prima giornata di gare a Catania

Prima giornata di gare oggi a Catania, per i playoff di canoa polo con la giornata di domani dedicata alle semifinali e alle finali di serie A. Diretta streaming sul canale Facebook della Federazione dalle 15 alle 18.30 con tutte le finali (under 14, under 18, serie A femminile serie A maschile). Diretta al link https://www.facebook.com/federcanoa/

Al maschile si sfideranno in semifinale Chiavari-Posillipo e Pol.C.Catania-Jomar. Al femminile finale tutta catanese tra Pol.C.Catania e GS Catania.

La Pro Scogli Chiavari vince i quarti di finale regolando 5-2 e 6-2 il Canoa Club Napoli. Formazione ligure che da campione d’Italia in carica spinge sull’acceleratore da subito e in gara 1 detta legge. La tripletta di Bertelloni e le reti di Bellini e Pest consentono al Chiavari di vincere bene gara 1; in gara 2 l’inizio dei campani è da applausi con la rete del vantaggio di Ciro Lucci dopo ottanta secondi. Bellini, Pest e Tixe però salgono in cattedra e tornano a dettar legge con il Chiavari che vola in semifinale.

Combattuta la sfida dei quarti di finale tra Polisportiva Canottieri Catania e Canottieri Eur, con i padroni di casa che vincono 4-2 e 6-3, e passano alle semifinali. I capitolini illudono con il vantaggio di Zifferero in gara 1, poi si scatenano i siciliani con Emanuele, Corvaia, Barone e Guarnera per la vittoria in gara 1. In gara 2 partita altrettanto combattuta, con Emanuele ed Herrero che aprono, Santino e Siani che lottano e con i catanesi che prendono il largo nella seconda frazione di gioco volando in semifinale.

Più sudata la qualificazione alla semifinale dello Jomar Club Catania che si impone sul Marina San Nicola con distacchi risicati. In gara 1 i catanesi vincono 4-2, 4-3 invece il risultato di gara 2. Hoppstock, Malaguarnera e Licciardello sono decisivi per la vittoria in gara 1 dei siciliani, nel secondo e decisivo match è Giovanni Lodato per i palermitani del Marina San Nicola a siglare i due goal iniziali per il momentaneo vantaggio. L’illusione però dura poco, e tocca ancora una volta al tedesco-catanese Marco Hoppstock, da Colonia alla Sicilia, mettere la freccia per i suoi e con il contributo di Agatino Licciardello regalare le semifinali ai padroni di casa.

Posillipo che vince il primo quarto di finale contro i sardi dell’Ichnusa 5-2 e che vola in semifinale al termine di una gara 2 combattuta e decisa al golden goal, in favore dei campani; Nugnes e Richter, con quest’ultimo autore di ben quattro goal, decisivi per la vittoria dei campani in gara uno, al termine della quale è decisamente combattuta la seconda sfida tricolore. Al termine dei tempi regolamentari la sfida si chiude in parità e sul 2-2 grazie alle reti di Hallegraeff, Richter, Gabriele e Perrotti. Al supplementare l’Ichnusa spreca una buona occasione in apertura e sulla successiva azione il Posillipo è spietato; apertura sulla destra, palla al centro con Richter che da buona posizione non perdona.

In semifinale sarà supersfida tra Chiavari-Posillipo e derby tutto catanese tra Jomar e Pol. C. Catania; per le posizioni dalla quinta all’ottava C. Eur-San Nicola, Napoli-Ichnusa.

Al femminile invece, già decise le due finaliste che si sfideranno domani per la conquista del titolo. La Polisportiva Canottieri Catania, da quattro anni sul tetto d’Italia, proverà a vincere per la quinta volta consecutiva lo scudetto affrontando in finale le cugine del Gruppo Sportivo Canoa Catania; squadre che si allenano costantemente assieme e che domani si affronteranno, l’una contro l’altra. Lotteranno invece per il bronzo Canoa Kayak Academy e Circolo Nautico Palermo.

Campionesse in carica senza difficoltà nell’imporsi 9-1 e 6-0 contro Palermo. Landolina, Cogoni, Gilles, Anastasi, Esposito, Russello, Barbagallo e Catania non perdonano. Più combattuta invece la sfida tra GS Canoa Catania e CK Academy con le catanesi vincitrici 5-3 e 5-4. Nel primo match sono decisivi i goal di Francesca Sportaro e Veronica Mazzanti. In gara 2 invece tocca a Laura Fornasini mettere in rete il quinto goal per le catanesi, decisivo per rendere inutile il recupero avviato da Margherita Pontecorvo e chiuso, con un goal in meno del necessario però, da Maria Anna Szczepanska ed Erika Scarpisi.

Visite: 179

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI