Canoa Maratona, Campionati Europei, bronzo per gli azzurri

 

Sono ancora le donne della canoa maratona italiana a regalare soddisfazioni al nostro paese dalla rassegna continentale che si sta svolgendo in Slovenia, a Bohinj. Dopo l’argento conquistato ieri da Susanna Cicali, oggiAggiungi un appuntamento per oggi è toccato ad Anna Alberti salire sul podio e mettendo al collo la medaglia di bronzo al termine di una gara combattuta e tiratissima. La pagaiatrice triestina che difende i colori del CC Aniene ha chiuso la propria gara in 2.03.54.22, a 32.93 dalla vincitrice ungherese Renata Csay, campionessa del mondo ed europea in carica. Seconda posizione per la britannica Lizzie Broughton con la quale la nostra azzurra ha ingaggiato un duello fino all’ultimo metro che la rappresentante del Regno Unito è riuscita a vincere per un solo secondo e mezzo. Non ha chiuso invece la gara Stefania Cicali.

Nel C1 maschile il migliore degli azzurri è stato Mirco Daher che ha chiuso in nona posizione nella gara vinta dall’ungherese Marton Kover. Tra gli junior è dodicesimo Alessandro Tovo nella prova in cui a vincere è stato il britannico Magnus Gregory. Nel K2 junior femminile ottavo posto per Sara Bartoli e Chiara Rambaldi con l’oro che va invece alla Danimarca.

CANOA SLALOM: CIPRESSI 11° A LIPTOVSKY MIKULAS, DOMANIAggiungi un nuovo appuntamento per domani K1 DONNE E C2

Si chiude in Slovacchia, a Liptovsky Mikulas, la seconda giornata della terza prova di coppa del mondo di canoa slalom nella quale i padroni di casa della Slovacchia dominano nella gara del C1 grazie al tandem Martikan-Slafkovsky mentre per l’Italia, in ottica finali, non ci sono buone notizie.

Il migliore degli azzurri, ad appena 39 centesimi dalla qualifica in finale, è Stefano Cipressi che in semifinale chiude all’undicesimo posto, il primo degli esclusi dalla lotta per le medaglie. 3.85 il suo ritardo dal leader Jonathan Marc (Francia), ma appena 39 sono i centesimi che paga dal teco Tomas Rak che occupa la decima posizione estromettendo il bolognese della Marina dalla sfida conclusiva. A vincere l’oro è stato il padrone di casa slovacco Michal Martikan che si è imposto in 95.47 sul connazionale Alexander Slafkovsky  staccato di appena due centesimi in un finale thrilling. Terzo a 1.31 il ceco Stanislav Jezek.

“E’stata un’esperienza nuova per me – ha detto Slafkovsky a fine gara – come nel 2007 non sono arrivato qui al top ma spero di aver fatto divertire i miei connazionali con la gara odierna.”

Poca gloria per i padroni di casa invece nel K1 maschile, gara in cui gli azzurri chiudono lontani dal podio. Omar Raiba e Zeno Ivaldi infatti sono rispettivamente 33esimo e 34esimo. Il primo paga quattro secondi di penalità senza i quali avrebbe potuto migliorare il proprio piazzamento; percorso netto, ma tempo troppo alto invece per Zeno Ivaldi il cui ritardo di 12.17 gli impedisce di accedere alla finale. Chi invece in finale riesce ad entrare e a portare a casa l’oro è il francese Mathieu Biazizzo che si impone in 88.86 sul resto dei contendenti migliorando così il risultato di una settimana fa quando a Cracovia, in coppa del mondo, fu terzo alle spalle di Hradilek e Halcin. In Slovacchia è invece lui a vincere davanti proprio al ceco Vavrinec Hradilek e allo sloveno Peter Kauzer: “Ero concentrato e sono riuscito a tenere un ottimo ritmo dall’inizio alla fine, senza particolari difficoltà – ha detto Biazizzo a fine gara – pagaiare con grandi atleti aiuta e ho deciso di provare a far bene. Direi che ci sono riuscito.” Soddisfatto ovviamente anche Peter Kauzer, stoppato dal 2014 a causa di un infortunio e oggiAggiungi un appuntamento per oggi nuovamente a medaglia: “Sono felice, nelle prime due prove di coppa del mondo ho commesso troppi errori ma stavolta sono stato più preciso. Mathieu è stato più veloce di me nella prima parte di gara ma questa medaglia mi dà molta soddisfazione e motivazione per il futuro.”

Nel C1 donne vince la britannica Mallory Franklin davanti all’austriaca Viktoria Wolffhardt e all’ucraina Viktoriia Dobrotvorska.

Nelle prove a squadre l’Italia è undicesima nel C1 con Cipressi, Bullo e Ivaldi staccati di 67.90 dall’oro vinto dalla Slovacchia davanti a Slovenia e Polonia (per l’Italia 52 secondi di penalità per salto di porta e tocco di palina). Nel K1 Raiba, Ivaldi e Beda sono decimi con un distacco di 7.85 dall’Australia che vince l’oro davanti a Polonia e Slovenia. Nel C1 donne podio composto da Repubblica Ceca, Gran Bretagna e Francia.

Visite: 437

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI