Camera di Commercio Enna, da lunedì prossimo i dipendenti in Assemblea Permanente

Assemblea permanente con probabili ripercussioni negative sui servizi erogati alle imprese. E’ quanto hanno deciso di fare da lunedì prossimo i 15 dipendenti di ruolo, cui si sono associati anche i 9 precari, della Camera di commercio di Enna al termine dell’assemblea di oggi indetta sulle notizie che sono arrivate da Palermo. Infatti dall’assessorato regionale competente è stato comunicato che ad oggi non si sa quando saranno pagati gli stipendi ai dipendenti ma anche gli emolumenti ai 38 pensionati che sono in carico all’ente camerale. Infatti la Sicilia è l’unica regione in Italia in cui i pensionati della Camera di commercio rimangono in quota di onore di spesa allo stesso ente. Una grande incertezza quella che regna nella Camera di Commercio ennese ormai da 5 anni commissariata e in fase di accorpamento con quella di Palermo. Ma ad oggi l’assessorato regionale alla Cooperazione non ha ancora firmato il decreto di assegnazione alle varie associazioni dei posti nel consiglio camerale e quindi tutto rimane bloccato. Se poi ci si mette anche che il Governo nazionale ha deciso di dimezzare il costo del tributo che ogni azienda paga alle Camere di Commercio la frittata è fatta. Il Defalult è dietro l’angolo per un ente che solamente per stipendi e pensioni ha di bisogno di circa 180 mila euro al mese. Durante l’assemblea è intervenuto anche il deputato regionale Mario Alloro che ha parlato con i dipendenti assicurando loro che si impegnerà per farli incontrare con l’assessore regionale Lo Bello. “Da tempo si chiede che la Regione istituisca un fondo ad oc per i pensionati togliendo così il loro costo dai bilanci delle Camere – commentano i dipendenti – ed il costo non costerebbe nulla alla Regione perché si auto alimenterebbe da solo grazie alle risorse proprie delle stesse Camere. Ma tutto ciò non si vuole assolutamente fare e non si capisce il perché. Di conseguenza le Camere sono vivono una drammatica crisi economica”. Così da lunedì prossimo la protesta che potrebbe provocare anche non pochi problemi al fragile tessuto economico locale”.

Visite: 1363

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI