Caltanissetta; teatro Regina Margherita; Sul filo della Memoria con Kaballà e Antonio Vasta

La Sicilia nella narrativa italiana del ‘900 non solo come tema, ma come realtà storica, geografica e culturale. Dal quel mondo contadino al lavoro nelle miniere, dall’ambiente borghese che celebra il rito della passeggiata e il linguaggio degli sguardi, ai fasti e le decadenze, sono tutti elementi di un mondo che vive in stretta relazione con l’ambiente circostante, il clima, il paesaggio a volte arido a volte lussureggiante, le ricche architetture barocche e le povere case di campagna. Sono le stiorie narrate dal “Versimo” di Verga, Capuana e De Roberto, espressione di una sicilianità che trova continuità nelle opere di Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Vittorini, Brancati, fino a Bufalino, Sciascia e Consolo. Giovedì 25 febbraio alle ore 20.30 il Teatro Regina Margherita di Caltanissetta ospita, per la stagione firmata da Moni Ovadia e organizzata dal Comune di Caltanissetta grazie alla sponsorizzazione di Crodino, “Viaggio immaginario nella Sicilia della memoria” l’omaggio dell’eclettico musicista siciliano Pippo Kaballà accompagnato dal pianista e fisarmonicista Antonio Vasta.

Partendo dall’interpretazione della storia della Sicilia come susseguirsi d’invasioni e inganni, fino all’illusione e la delusione del nuovo stato unitario e alla convinzione che la diversità storica dell’isola è incolmabile e il suo destino ineluttabile, “Viaggio immaginario nella Sicilia della memoria” si propone come uno spettacolo di contaminazione fra note, parole e suggestioni visive. Un modo singolare di coniugare musica colta e popolare, poesia e letteratura, cinema e teatro. Un lavoro che espande i confini del concerto verso altri territori artistici, raccontando anche attraverso l’uso del dialetto una Sicilia sempre protagonista, prepotente, dolce, aspra e sapiente.

Tra le sue canzoni riarrangiate in modo essenziale e raffinato, che sfiorano i confini del jazz e della word music, Kaballà rilegge brani di poesia e prosa che spesso lo hanno ispirato – da Sciascia a Pirandello, da Consolo a Brancati – mentre su uno schermo scorrono immagini di grande suggestione, brani di film storici da Visconti ai Fratelli Taviani, da Straub e Huillet all’Istituto Luce, sapientemente montati da Sebastiano Gesù, critico cinematografico e docente di storia del cinema all’Università di Catania. Tutto questo per narrare di una terra, un popolo, un “modus vivendi” dove la canzone diventa presupposto per un viaggio immaginario sul filo della memoria.

Kaballà, al secolo Pippo Rinaldi, è un compositore siciliano che vive e lavora a Milano da moltissimi anni. La lontananza dalla Sicilia lo ha portato a cercare “un ponte di pietra lavica” che lo riportasse ai luoghi della memoria, così ha intrapreso un percorso alla ricerca di contaminazioni di stili musicali, ispirazioni letterarie e dialetto siciliano. Nonostante la pubblicazione di numerosi album, Kaballà si è affermato anzitutto come autore, collaborando con artisti del calibro di Eros Ramazzotti, Vario Venuti (è coautore di “Crudele”), Antonella Ruggiero, ma anche Alessandra Amoroso, Alex Britti, Carmen Consoli, Patrizia Laquidara, Cesare Malfatti (La Cruz), Mietta, Musica

Nuda, Nicky Nicolai, Noemi, Anna Oxa, Raf, Ron, Valerio Scanu, Paola Turci, Nina Zilli e tantissimi altri. Fin dall’inizio della sua carriera Kaballà ha avuto l’opportunità di farsi notare come autore anche nel mondo del cinema, ed ha avuto anche alcune insolite incursione nel campo del musical e della televisione. Pur vagabondando in molteplici direzioni musicali, Kaballà continua comunque a mantenere vivo il legame artistico e culturale con la sua terra d’origine, mantenendo intatto il suo personalissimo stile degli esordi fatto di un’interessante miscela di pop, canzone d’autore e sonorità etniche abbinate a testi, spesso in lingua siciliana, molto curati e intensi e non di rado arricchiti da numerosi riferimenti letterari. Dal 2015 ha un contratto di esclusiva editoriale con la Sugar di Caterina Caselli.

LA SCUOLA VA A TEATRO- AGEVOLAZIONI PER I PIU’ GIOVANI

L’Amministrazione comunale di Caltanissetta, particolarmente attenta a sensibilizzare i più giovani alla fruizione della cultura, ha approvato un piano tariffario ridotto per la vendita dei biglietti d’ingresso al Teatro Regina Margherita. Su iniziativa dell’Assessore alla Creatività e Cultura, Marina Castiglione, è stato proposto e approvato un piano tariffario agevolato per gli studenti al fine di favorire un’abitudine alla cultura teatrale che sia economicamente sostenibile. Gli studenti fino a 20 anni di età potranno così usufruire delle seguenti agevolazioni:

  • Terza fila di palchi del Teatro Regina Margherita, (max 45 posti) €. 8,00

  • Seconda fila palchi laterali del Teatro Regina Margherita (max 45 posti) €. 8,00

  • Spettacolo di Stefano Bollani al Teatro Rosso di San Secondo (max 100 posti) €. 10,00

Le tariffe agevolate riservate agli studenti, valide fino a esaurimento posti, sono state approvate tenendo conto del valore formativo del Teatro e in particolar modo di alcuni spettacoli inseriti nel cartellone 2016, idonei a coadiuvare il percorso formativo ed educativo attuato all’interno delle scuole.

CRODINO, BIONDO APERITIVO ZERO IMPEGNATIVO

SPONSOR DEL TEATRO REGINA MARGHERITA DI CALTANISSETTA

L’aperitivo italiano per antonomasia sostiene il Comune di Caltanissetta nella programmazione del Teatro Regina Margherita. Prodotto nella valle Antigorio, a 16 km da Domodossola, Crodino è miscelato dal 1964 da mani esperte secondo la ricetta originale segreta: un cuore aromatico ottenuto da acqua di sorgente ed estratti di erbe, spezie, legni e radici di primissima qualità provenienti da ogni parte del mondo. Crodino racchiude in sé sapori e profumi perfettamente miscelati: chiodi di garofano, semi di cardamomo, coriandolo e noce moscata. Questi ed altri estratti segreti di erbe e spezie, una quindicina in tutto, connotano le note sensoriali di Crodino rendendolo unico e inimitabile. L’unione armonica di questi ingredienti ricercati e rimasti da sempre invariati) contribuiscono a farne un analcolico di grandissima qualità. Ma il segreto più affascinante della ricetta di Crodino è il tempo: è proprio il riposo (l’estratto viene lasciato riposare fino a 6 mesi prima di essere trasformato) ad armonizzare tutti i componenti. Ed è proprio il “tempo” il comune denominatore che lega Crodino al Teatro Regina Margherita di Caltanissetta. Entrambi, infatti, sanno che per fare bene le cose ci vuole tempo: ci vuole tempo, pazienza e amore per generare un prodotto “unico” come Crodino e ci vogliono gli stessi ingredienti per costruire una coscienza civile, per seminare passione per la cultura e amore per il teatro.

VIAGGIO IMMAGINARIO NELLA SICILIA DELLA MEMORIA

Kaballà voce

Antonio Vasta pianoforte acustico e fisarmonica

INFORMAZIONI

Inizio spettacolo ore 20.30

Ingresso: da 25 a 10 euro

Botteghino del Teatro Regina Margherita (apertura da lunedì a venerdì h 10-13)

Per informazioni: tel. 0934 547034, 0934 507599, 340 9790959

IL CARTELLONE 2016 prosegue con…

3 Marzo 2016

MARCO TRAVAGLIO

Slurp!

8 marzo 2016

GIPSY QUARTET

Marzia De Nardo, Shaady Mucciolo, Augusta Mistico, Serena Giordano

3 aprile 2016 (Il Margheritino)

IL MERAVIGLIOSO MAGO DI OZ

Bottega del Pane

Regia Cinzia Maccagnano

5 aprile 2016

LE SUPPLICI in prova di Eschilo

Regia Moni Ovadia e Mario Incudine

Con Moni Ovadia, Mario Incudine, Faisal Taher, Angelo Tosto, Marco Guerzoni, Elena Polic, Rita Abela, Alessandra Salamida, Cinzia Maccagnano e il coro dell’Accademia nazionale del dramma antico di Siracusa

9 aprile 2016

BELLA CIAO

Con Lucilla Galeazzi, Ginevra di Marco, Elena Ledda e Riccardo Tesi

20 aprile 2016

NOVANTADUE

Di Claudio Fava

Con Fabrizio Ferracane, Giovanni Moschella e Filippo Dini

24 aprile 2016 (Il Margheritino)

#CENERENTOLAUNADINOI

Bottega del Pane

Regia Cinzia Maccagnano

28 aprile 2016 Teatro Rosso di San Secondo (fuori abbonamento)

STEFANO BOLLANI E VALENTINA CENNI

La Regina Dada

14 maggio 2016

SEGNI DI MANI FEMMINILI

Di e con Valentina Ferrante e Micaela De Grandi

22 Maggio 2016

A UN PASSO DAL CIELO. (W LA MAFIA)

Di e con Aldo Rapè, regia Nicola Vero

1 Giugno 2016

ROSALIA PORCARO

“Mamme, suocere e vajasse”

Con la partecipazione del Trio Anema

25 giugno 2016

IL CASELLANTE di Andrea Camilleri

Regia Giuseppe Dipasquale

Con Moni Ovadia, Valeria Contadino e Mario Incudine + cast da definire

Visite: 522

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI