Calcio Siciliano; il Punto di Giovanni Albanese

In attesa del Palermo, in ritiro per tentare di dare una sterzata al suo campionato in Serie A, è il Trapani in Serie B a tenere alta la bandiera della Sicilia. La formazione di Serse Cosmi supera l’esame di maturità, espugnando il difficile campo della Salernitana, grazie a una rete di quel Citro (nella foto) che solo un paio di anni fa l’attento direttore sportivo Daniele Faggiano andò a scovare in Serie D.

Oggi il talento di Marcianise è un pezzo pregiato della rosa granata e uno dei giocatori più interessanti della serie cadetta. Per il Trapani, dunque, potrebbe non essere solo un inizio di stagione a razzo, ma un’annata particolarmente intensa nelle zone nobili della classifica.

In Lega Pro è un Catania straordinario a tenere banco. Brava la società ad allestire una rosa affamata e non appagata, tanto da riuscire a invertire la rotta rispetto alla scorsa stagione e riconquistare il cuore dei tifosi. Al di là della categoria, infatti, la squadra di Pippo Pancaro piace perché gioca bene e non regala nulla, anche quando si trova abbondantemente in vantaggio e potrebbe gestire il vantaggio. Questo è l’atteggiamento che serve.

Si è calata nella categoria a pieni voti anche il nuovo Messina di Arturo Di Napoli, bravo a non lasciarsi sorprendere da un Matera alla ricerca di riscatto sotto la nuova cura Pasquale Padalino. I peloritani, che vincono grazie a un calcio di rigore trasformato sul finale da bomber Cocuzza sul finale di gara, meritano i tre punti e mantengono l’imbattibilità in campionato.

Guai a farsi prendere dalla pressione in casa Akragas. La sconfitta interna con l’Andria rovina il ritorno dei giganti all’Esseneto, ma ciò non deve fare perdere di vista il campionato dei biancazzurri, che deve guardare prima di tutto alla salvezza, come predicato da inizio stagione. La squadra di Nicola Legrottaglie potrà essere la matricola terribile di questo campionato e qualche passo falso come quello di domenica scorsa potrebbe anche concederselo.

In Serie D, infine, marcia ormai spedito il Siracusa di Andrea Sottil, che adesso ha anche ufficializzato il ritorno nei ranghi societari di Antonello Laneri, nuovo responsabile dell’area tecnica. Gli aretusei, strapazzata la Palmese, sono attesi da un turno infrasettimanale che ha il gusto di big match con la Reggina.

Male il Marsala, battuto in casa dall’Agropoli. Arranca il Noto, che conquista il primo successo stagionale sul campo del Vigor Lamezia per 2-1. Perde sul finale lo Scordia, beffato da una meritevole Vibonese, guidata dal messinese Gaetano Di Maria e che sarà con molta probabilità la vera sorpresa di questo torneo. La posta in palio nel derby siciliano tra Leonfortese e Due Torri era così alta che queste si sono affrontate colpo a colpo e alla fine si sono equivalse, senza l’una violare la porta dell’altra. Mercoledì tutti in campo per il turno infrasettimanale.

Giovanni Albanese – Twitter: @GiovaAlbanese
Blog: www.giovannialbanese.net

Visite: 485

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI