Calcio, il presidente della sezione provinciale Aia Giuseppe Di Gregorio “La promozione di Rutella un traguardo che tutta la sezione attendeva da tempo”

L’onore di entrare nella “storia” del movimento arbitrale calcistico ennese. E’ quello che può pregiarsi di avere il pietrino Giuseppe Di Gregorio attuale presidente provinciale dell’Aia visto che proprio sotto la sua presidenza dopo 66 anni di storia un arbitro della sezione ennese Daniele Rutella passa tra i professionisti. Come vive questo momento. “Con estrema soddisfazione replica con tanta diplomazia – ad onor del vero questo era un traguardo che attendevano e che meritavamo da tempo. Ed è il frutto ed il coronamento di un lavoro che parte da molto lontano. Quindi è vero che sono capitato io alla presidenza ma è un riconoscimento che spetta a tutti i presidenti che mi hanno preceduto ed a tutti gli arbitri della sezione”. A proposito di sezione oltre a quello di Rutella è arrivato un altro importante risultato. Significa che l’intero movimento gode di un buon stato di salute. “Infatti oltre a quello di Rutella salutiamo con estremo piacere il passaggio di Mauro Gangi alla Cai ovvero alla commissione arbitri Interregionale. Significa che c’è molta attenzione anche su questo ragazzo che è un altro che potenzialmente potrebbe passare nel breve futuro anche lui tra i professionisti. Ma quello che mi preme dire è che abbiamo una sezione con circa 120 iscritti di cui una decina donne, con una età media molto bassa e da un punto di vista qualitativo eccellente. Rutella e Gangi non sono altro che la testa di ponte di un gruppo di arbitri giovanissimi con interessanti prospettive future. Abbiamo una decina di questi che dalla prossima stagione arbitreranno tra Promozione ed Eccellenza e sicuramente faranno parlare di loro nei prossimi anni. Ma per arrivare a tutto ciò c’è però alle spalle un importante lavoro preparatorio di crescita fatto con altrettanta organizzazione. Questo gruppo infatti lavora e si prepara come se fosse già tra i professionisti. Giornalmente sono al campo di atletica leggera di Enna bassa seguendo un preparatore atletico e stanno sotto l’occhio attento di una nutrizionista che li segue con grande meticolosità. Quindi non sono risultati frutto del caso. In sostanza in tutta la sezione si respira un’aria di ottimismo di chi ha tanta voglia di crescere”.

Visite: 359

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI