Calcio, Campionato Juniores, la Branciforti “regina” del campionato

Vince la Branciforti con l’Enna per 2 – 0 l’ultima partita del campionato Juniores e che per entrambe per come era la classifica prima dell’ultimo atto (Branciforti 30 punti, Enna 29) valeva come una finale. I rossoneri hanno espugnato il Gaeta in virtù di una gara accorta e dove dalla loro loro avevano anche il vantaggio di poter giocare per 2 risultati su 3, vittoria e pareggio. Ma purtroppo quella che doveva essere una festa del calcio provinciale visto che a prescindere di chi vinceva in un girone ennese-palermitano è una squadra dell’ennese ad accedere alle fase regionale, è stata in parte offuscata da una serie di “intemperanze” al termine dell’incontro tra giocatori di entrambe le squadre fortunatamente immediatamente sedate da Carabinieri e Polizia presenti, ma in particolare dagli stessi dirigenti delle due società. “Diverbi” di quelli in cui diventa impossibile capire da dove iniziano le colpe di uno e le ragioni di un’altra. Ad ogni modo scene che non fanno bene al calcio ed allo sport in genere, assolutamente da censurare a maggior ragione perchè trattasi di campionati giovanili. Potrebbe anche capitare che chi ieri si è trovato avversario in campo oggi si ritroverà fianco a fianco sui banchi di scuola. E dire che ieri allo stadio Gaeta c’era il pubblico delle grandi occasioni. I padroni del tecnico Max Ricerca sicuramente hanno risentito più del dovuto emotivamente dell’importanza della posta in palio e “obbligati a vincere” e quindi non giocando secondo le loro reali potenzialità. Ma di fronte si sono trovati una Branciforti messa bene in campo al giovane tecnico Stanzù dotata di “più chili”, con due forti centrali difensivi come l’Episcopo e Di Pasqua che mai ha sofferto particolarmente. Se poi ci si mette che la rete del vantaggio al 58′ di Agozzino è arrivata su una incomprensione difensiva tra il portiere gialloverde Fazzi e un suo compagno di difesa per i padroni di casa che poco avevano fatto sino a quel momento tutto diventava più difficile visto che per superare i leonfortesi in classifica dovevano assolutamente vincere. Il rigore assegnato al 78′ dall’arbitro e realizzato da Proto ha di fatto chiuso l’incontro. L’Usd Enna tra l’altro è stata anche sfortunata visto che quanto meno la rete della bandiera la meritava e l’ha sfiorata nei minuti finali per ben due volte entrambe con Consiglio con un tiro dal limite di contro balzo all’85’ e su calcio di punizione parato brillantemente dal portiere al 93′.

Visite: 478

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI