Calcio a 5: il campione del mondo aidonese Carmelo Messina, l’orgoglio di una intera provincia

C’è un importante contributo della provincia di Enna alla vittoria del campionato del Mondo di calcio a 5 della nazionale azzurra Fisdr a Viseu in Portogallo battendo in finale proprio i padroni di casa per 4 – 1. Infatti uno degli atleti, e non uno qualunque ma il capitano di questa super – squadra, guidata dall’accoppiata tecnica Signoretto – Oldani è il ventinovenne aidonese Carmelo Messina. Un risultato quello conquistato dalla nazionale italiana Fidsr che inorgoglisce tutto il movimento sportivo italiano ed a maggiore ragione quello ennese. Carmelo diplomato Perito Agrario da anni svolge attività sportiva con la società Disabili Erei di Piazza Armerina. E proprio da questa società è partita la sua scalata alla nazionale italiana. “Circa 2 anni fa ho partecipato alla prima selezione – ci racconta – e in pratica da quel momento non ne sono più uscito sino a diventarne il capitato. La vittoria del mondiale? Sono veramente molto felice”. “Per la nostra comunità Carmelo rappresenta un grande orgoglio – commenta l’assessore del Comune di Aidone Serena Schilirò – non posso che ringraziarlo sia perché porta lustro in tutto il mondo alla nostra cittadina sia perché il suo risultato un esempio ed uno stimolo per tanti sta a significare che nella vita quando si vuole raggiungere un risultato ci si può riuscire”. Un cammino quello degli azzurri che è stato da rullo compressore. Battuti due volte i messicani (11 a 3 e 8 a 2 i risultati delle due partite), gli azzurri, dopo il pareggio nella gara inaugurale contro il Portogallo (4 a 4), si giocava tutto nella partita decisiva contro il lusitani, vinta con un primo tempo da fantascienza che ha visto Carmelo Messina e compagni portarsi sul parziale di 4 a 0, prima di amministrare da squadra vera il risultato acquisito, lasciando ai vicecampioni solo la gioia del goal della bandiera sul finale di partita. Oltre al titolo mondiale, il primo indetto dalla FIFDS, l’Italia torna dal Portogallo con il miglior portiere (Francesco Leocata) e il miglior marcatore (Luca Magagna). “Che bello vederli giocare a calcio – ha commentato il referente tecnico azzurro Roberto Signoretto – vincere il mondiale è stata la classica ciliegina sulla torta, un’emozione immensa ma, soprattutto, un evento che garantirà l’ulteriore sviluppo al movimento calcistico riservato ad atleti con sindrome di Down”.
Di seguito un riepilogo dei risultati:
Portogallo vs Messico 6-0
Italia vs Portogallo 4-4
Messico vs Italia 3-11
Messico vs Portogallo 0-10
Italia vs Messico 9-2
Portogallo vs Italia 1-4

Visite: 3452

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI