Calascibetta; in contrada Lagostelo nasce un centro ludico ricreativo ambientale

In un lembo di “Val dAosta”, in provincia di Enna nasce un importante sito di promozione turistica del territorio. E’ stato infatti inaugurato la scorsa settimana, dall’associazione Morsi d’Autore della presidente Carmelinda Pane un Centro Ludico Ricreativo Ambientale in un sito tanto suggestivo quanto ancora poco conosciuta come la vallata di contrada Lagostelo tra Calascibetta e Villarosa. a pochi chilometri dal centro storico del comune xibetano. Il centro si trova all’interno di una splendida vallata di diversi ettari, venuta fuori da una importante opera di prosciugamento e bonifica di una zona paludosa nel periodo del ventennio fasciata e si trova tra i siti archeologici di Grotte di Realmese, del villaggio Bizantino ma anche a pochi chilometri della Riserva naturale orientata di Monte Altesina e dell’oasi del Morello. Il centro è stato realizzato grazie a dei finanziamenti comunitari erogati dal Gal Rocca di Cerere ristrutturando dei caseggiati di una vecchia masseria già presente e vuole promuovere il territorio ennese in un contesto di turismo sociale, culturale e sostenibile e quindi finalizzato allo sviluppo ed all’incremento degli arrivi e presenze turistiche sul territorio ennese. L’ampia struttura è dotata di grandi spazi sia al chiuso che all’aperto, in cui svolgere le attività preposte e attrezzata di tecnologie audio visive, lavagna LIM, sistema audio, che permetteranno di percorrere virtualmente i percorsi turistici. Nello specifico il centro grazie anche ad una serie di infrastrutture interattive si occuperà della promo commercializzazione di servizi turistici. Ma il centro vuole diventare anche un punto di riferimento per diverse attività come spiega la stessa Carmelinda Pane. “Vogliamo puntare alla valorizzazione dell’ambiente ed a fare conoscere ai visitatori il nostro territorio – ma vogliamo anche incentivare le attività di spettacolo come teatrali, musicali e ludiche. Ma anche organizzare eventi ricreativi volti alla conoscenza dei territori ed anche escursioni a piedi, in bici, a cavallo, attività di trekking someggiato; off-road con Land Rover “Defender”; Progetti educativi; conoscenza dell’asino e attività di grooming”. Proprio l’escursione sul dorso degli asinelli, (una decina ed ognuno fornito di una sua “carta d’identià”) rappresenta una delle più singolari attività ricreative ed escursionistiche. Ed a quanto pare la risposta che è arrivata dal territorio è molto incoraggiante. “Sono una trentina tra associazioni ed enti pubblici che hanno preso contatto con noi per avviare una forma di collaborazione – conferma Carmelida Pane – quindi siamo fiduciosi per l’incremento della nostra attività sin dai prossimi mesi. Vogliamo anche noi contribuire a promuovere il nostro territorio con una forma di turismo sostenibile”.

Visite: 1256

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI