Bollette “pazze” consorzio di Bonifica; la Cia “si va verso la risoluzione”

Oggi 15 settembre 2015 presso l’Assessorato Regionale all’agricoltura di Palermo si è svolto con successo l’incontro chiesto dalla Cia

Sono infatti stati inviati tramite l’agenzia Riscossione Sicilia avvisi bonari di pagamento a tutti quei soggetti che vedono ricadere i propri terreni entro i 500 metri sia a destra che a sinistra delle condutture idriche del Consorzio di Bonifica per assolvere al beneficio idrico fornito alla condotta di Enna estesa per 1500 Ha nella quale ricadono 5000 aziende.

Tra le anomalie da verificare c’è l’applicazione del tributo sia a coloro che usano l’acqua del consorzio sia coloro che non ne fanno uso; il beneficio idrico potrebbe essere illegittimo perché dovrebbe essere insufficiente per le aziende ricadere nel comprensorio ai fini della richiesta del tributo. Inoltre è da verificare la retroattività dei tributi richiesti per gli anni 2012 e 2013.

La Confederazione Italiana Agricoltori di Enna insieme ai presenti all’incontro ha chiesto e ottenuto la

sospensione delle cartelle di pagamento inviate.

Restiamo vigili ed attenti sugli sviluppi della questione informando tutti gl’interessati Agricoltori e Proprietari di terreni.

È impensabile pensare di ripianare i bilanci degli enti gravando sulle spalle dei contribuenti.

La nostra organizzazione mette a disposizione i propri uffici territoriali per ulteriori chiarimenti e la compilazione di verifica correttezza dei dati in cartella.

Visite: 664

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI