Beato don Pino Puglisi, oggi e domani a Enna la sua reliquia

A 25 anni dal suo martirio avvenuto per mano mafiosa, don Pino Puglisi, già dichiarato beato dalla chiesa cattolica, viene in visita attraverso la sua reliquia ai detenuti delle tre case di detenzione della diocesi armerina (gli istituti di pena di Piazza Armerina, Gela ed Enna).
Si tratta di un frammento di una costola del parroco di Brancaccio riposto in una teca ed esposto alla venerazione dei fedeli che viene portato in pellegrinaggio in tutta la Sicilia e che in questi giorni viene accolto in diocesi.

Dopo la proiezione del film “Alla luce del sole”, dedicato alla figura del sacerdote palermitano e offerta ai detenuti venerdì, questa mattina la reliquia è stata accolta dal personale e dagli ospiti della casa circondariale di Enna, all’interno di un convegno sulla legalità che ha visto la presenza del vescovo Rosario Gisana, il cappellano don Sebastiano Rossignolo e la direttrice dell’istituto Letizia Bellelli. Domattina alle 9.30 nella cappella del carcere ennese verrà celebrata una messe presieduta da don Rossignolo, con la partecipazione dei cappellani delle carceri di Piazza Armerina e Gela, rispettivamente don Hilaire Kande Nkashama e fra’ Emanuele Artale.

Don Rossignolo, che è anche parroco di San Bartolomeo, porterà la reliquia anche tra i suoi parrocchiani: domani, domenica 13 maggio, alle 11.15 una messa solenne animata dalla corale Beato Girolamo De Angelis verrà celebrata da lui nella chiesa San Bartolomeo e nel pomeriggio, alle 18, il reliquiario verrà condotto nella chiesetta dello Spirito Santo, dove alle 18.30 si reciterà il rosario e alle 19 fra’ Artale celebrerà una messa. “Sono giorni significativi per tutti i fedeli cristiani, compresi i nostri fratelli detenuti – ha commentato don Sebastiano – in questa visita eccezionale della reliquia di don Pino Puglisi le carceri della diocesi si sono aperte alla riflessione su senso del reato e senso del peccato, sul dovere di scontare una pena e la possibilità di accedere alla misericordia divina. In particolare, qui a Enna vogliamo puntare l’attenzione sull’importanza della testimonianza cristiana nel mondo che riguarda tutti noi da vicino”.

La reliquia era già stata accolta giovedì scorso a Gela e venerdì a Piazza Armerina.

Ma. Va.

Visite: 834

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI