Basket giovanile, una giornata per Cristina Fazzi

Sorrisi, solidarietà e tanta commozione, questa è sta la manifestazione “Un Canestro per il Mayo Mwana Project”, indetta ed organizzata dal Centro Provinciale Libertas di Enna, in collaborazione con l’ASD Libertas Consolini di Enna. La manifestazione di Minibasket, per le categorie Scoiattoli e Aquilotti (rispettivamente 2007-2006 e 2005-2004) ha avuto come obiettivo quello di sensibilizzare i giovani alla solidarietà, “sentendosi speciali per qualcuno che sta a 11.000 chilometri da qui come ha detto Francesco Milano, istruttore dell’associazione ennese che nell’agosto del 2013 è andato personalmente a sostenere un progetto di attività motoria in Zambia dove la Dott.ssa Cristina Fazzi opera attraverso programmi nutrizionali e attività medico-sanitarie.

“Per noi è sempre motivo di orgoglio stare vicino alla nostra cara Cristina ed a tanti bambini”- dice Francesco. “Quello che ho visto con i miei occhi lì è qualcosa di veramente incredibile e sapere che attraverso questa manifestazione, con la “scusa” di una lotteria di premi, riusciamo a sostenere le attività della dottoressa per l’acquisto di alimenti, la costruzione di ambulatori è per noi un modo come un altro per sentirci davvero speciali”.
Alla manifestazione, che si è disputata al Palazzetto dello Sport di Enna Bassa, hanno partecipato l’ASD Basket Regalbuto allenata da Bruno Milici, l’ASD Libertas Olimpia di Sant’Agata li Battiti di Mattia Viola, Fortitudo Palagonia di Antonello Strano e la Libertas Consolini di Enna. Incontri 3vs3 e staffette hanno allietato le persone presenti ad Enna. Ogni bambino ha partecipato alla lotteria di premi così da poter devolvere il ricavato al Progetto “Donna-Bambino” della dottoressa ennese che dal 2004 opera in Zambia. Alla fine della manifestazione, un momento di commozione si è avuto quando l’ASD Libertas Consolini ha voluto ricordare l’avvocato Roberto Rosso, ragazzo cresciuto nell’associazione con le attività di ginnastica e pallacanestro, che qualche anno fa è scomparso tragicamente. A ricordarlo, il Premio Solidarietà consegnato dalla madre di Roberto Rosso, Carmelita Rosso, al bambino che ha scritto la frase più bella sulla solidarietà. Attimo di commozione perché la madre l’ha voluto ricordare in ogni suo sorriso, ringraziando l’amico presente, Tino Pregadio e la Consolini, in particolare la Prof.ssa Rossana Mingrino ed il Presidente Michelangelo Milano che ha detto “Ricordo Roberto e lo vedo in mezzo a voi (riferendosi ai bambini partecipanti) perché anche lui, come voi, oggi avrebbe sorriso tanto, poiché un ragazzo che sprigionava tanta gioia”. Insomma una manifestazione che ha voluto riempire di gioia e di momenti unici i cuori di tanti bambini, dei genitori presenti, degli istruttori, ma soprattutto quelli di chi è molto lontano e lotta con la vita ogni giorno e di chi da lassù può solo sorridere a giornate come queste.
Visite: 653

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI