Bando Periferie. Il senatore Trentacoste (M5S): “Impegni precisi e concreti da parte del nostro Governo e del premier Conte”

Bando Periferie. Il senatore Trentacoste (M5S): “Impegni precisi e concreti da parte del nostro Governo e del premier Conte”
Roma, 17 settembre 2018 – “Il nostro Governo, con le dichiarazioni e l’impegno preciso del premier Conte, ha raccolto e vagliato le preoccupazioni dei sindaci, anche quelli siciliani, in merito alla problematica relativa al Bando Periferie. Si è così giunti a una soluzione: inserire nel primo decreto utile (successivo alla conversione del Milleproroghe) una norma che, di fatto, dia la possibilità di recuperare la realizzabilità dei progetti già in fase avanzata nei prossimi tre anni, al fine di offrire ai Comuni le risorse necessarie per garantire ai cittadini servizi e investimenti. Una decisione alternativa allo slittamento nel 2020 dei fondi, ed impegni puntuali che permetteranno il superamento della sentenza costituzionale dalla quale è nato l’emendamento del Milleproroghe”. Così il senatore del Movimento 5 Stelle Fabrizio Trentacoste che rassicura anche i cittadini di Enna e aggiunge: “il miglioramento e la riqualificazione di aree molto importanti della Sicilia resterà tra le priorità di questa maggioranza di Governo”. Il senatore 5Stelle interviene sulle recenti dichiarazioni in merito ai progetti presentati dal Comune di Enna che “appaiono del tutto contraddittorie con quanto dichiarato dal presidente dell’Anci Decaro, il quale, al termine dall’incontro a Palazzo Chigi, ha riconosciuto la necessità di sanare l’incostituzionalità dell’articolo 1, comma 140, che finanziava per la metà il bando periferie”. “Così facendo – dice – si rischia di fornire un’informazione fuorviante ai cittadini, mentre invito a lavorare tutti insieme a trovare soluzioni utili per la città”.
“Sul piano personale, – conclude Trentacoste – considero interventi di grande valore, per tutta la Città, la riqualificazione degli edifici di edilizia popolare di Enna Bassa, della scuola Raffaello Sanzio, il miglioramento della viabilità circostante e della fruibilità dell’area della Baronessa. Auspico, altresì, il recupero strutturale e funzionale dell’edificio della Casa del Mietitore (vecchia chiesa di Sant’Anna), di notevole valore storico e di memoria per la città di Enna”.

Visite: 686

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI