BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE: SOLARI (CGIL), IL SOLO SUPERAMENTO DEL GAP CON L’EUROPA FAREBBE CRESCERE IL PIL DEL 2%

Palermo, 30 gennaio- “Il solo recupero del gap con l’Europa in tema di
digitalizzazione secondo una stima prudenziale darebbe un contributo
alla crescita del Pil del nostro Paese nell’ordine del 2%.
Significherebbe invertire una situazione di stagnazione che dura ormai
da tempo”: lo ha detto Fabrizio Solari, della segreteria nazionale della
Cgil,  intervenendo al convegno della Cgil  Sicilia su Banda larga e
crescita digitale. Solari ha specificato la “particolarità di un
intervento destinato ad avere un effetto anche sulla qualità della vita
delle persone. Se quello che è già avvenuto con le banche avverrà con la
pubblica amministrazione (la possibilità  cioè di accedere ai servizi
attraverso il web) – ha specificato-  sarà una rivoluzione, la vera
riforma della pubblica amministrazione”. Secondo Solari perché
l’obiettivo di digitalizzazione venga centrato occorrono “un programma
di investimento con tappe e risorse certe e una regia di sistema”.
Solari ha rilevato che c’è una parte del mondo (esempio la Corea del
Sud) che va  a tutta velocità , “noi – ha aggiunto- arranchiamo dietro
un’Europa che non è tra i primi, anche perché la mancata diffusione
della tv via cavo,  facendo venire meno una componente di guadagno
possibile, ha reso più complicati gli investimenti. Con la spinta
dell’intervento pubblico sarà ora forse possibile- ha sottolineato-
superare il gap”. Marcello Cardella, segretario della Slc Cgil Sicilia,
ha specificato che “anche gli operatori privati devono fare la loro
parte, investendo più di quello che stanno facendo ora”. E ha aggiunto
che “è pure necessario sviluppare una tecnologia che garantisca la
velocità di esecuzione, portando la banda larga quanto più vicina alle
abitazioni”.

Visite: 712

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI