Automobilismo Merli su Osella firma il nuovo record a Verzegnis

Merli su Osella firma il nuovo record a Verzegnis

Il trentino sulla FA 30 Fortech ha vinto e battuto il suo precedente primato con 2’24”22 in gara 2 si è imposto su un incontenibile Cubeda, anche lui su FA 30 2° al traguardo ed un determinato Omar Magliona 3° su Norma M20 FC alla gara friulana organizzata dalla E4Run, 2° round del Campionato Italiano Velocità Montagna.

Verzegnis (UD), 27 maggio 2018 – Christian Merli su Osella FA 30 Fortech ha vinto la 49^ Verzegnis – Sella Chianzutan, siglando il nuovo record in 2’24”22 sui 5.640 metri di tracciato della la gara friulana organizzata dalla E4Run, 2° appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna con validità FIA International Hill Climb Cup e TIVM nord. Il trentino della Blu City Motorsport portacolori Vimotorsport ha bissato il successo del 2017 con la sportscar di gruppo E2SS. Merli in gara 1 non ha abbassato il record, ci si è soltanto avvicinato in prova con 2’26”26, per via delle condizioni incerte di gara 1 con tratti umidi a causa della pioggia caduta poco prima della conclusione e poi le condizioni di fondo asciutto di gara 2 hanno rimescolato tutto ancora una volta. Fondamentale il cambio gomme da bagnato ad asciutto all’ultimo minuto utile prima dello start di gara 1, quando il fondo si è nuovamente asciugato. Seconda posizione per il catanese Domenico Cubeda, che nelle condizioni impegnative di gara 1 non ha mai ritrattato la decisione di partire con pneumatici da asciutto ed ha attaccato a fondo arrivando a soli 3 decimi di secondo dal vincitore. Podio completato dal sardo di CST Sport Omar Magliona sulla Norma M20 FC Zytek, la biposto di gruppo E2SC, sulla quale il campione in carica di categoria ha preteso delle modifiche significative durante il week end da parte dei tecnici del Team Faggioli. Scelte che si sono rivelate efficaci, portando il driver sassarese a poter ambire alla vetta soprattutto in gara 1 quando il gap è stato di 6 decimi di secondo, poi nella seconda salita delle bandiere gialle ne hanno un pò compromesso la scalata.

Altra avvincente sfida appena sotto al podio dove è arrivato con la rimonta di gara 2 l’austriaco Christopher Lampert su Osella FA 30. Quinta gratificante piazza per il potentino Achille Lombardi che ha usato tutta l’agilità della Osella PA 21 Jrb di classe E2SC con motore motociclistico BMW da 1000 cc, con cui si è portato in testa alla nuova categoria prototipi moto. Sesta posizione generale per il padovano Francesco Turatello che su Osella PA 21 EVO ha conquistato la sua seconda vittoria in gruppo CN, anche se ha duellato con Luca Ligato, 7° all traguardo, il calabrese campione in carica di gruppo CN ha dato il massimo ed ha guidato in modo impeccabile l’Osella PA 21 EVO che il 24enne reggino sta sviluppando con il Team Catapano, purtroppo Ligato in gara 2 ha raggiunto l’applaudito attore Ettore Bassi che lo ha involontariamente rallentato, poiché in difficoltà dopo una foratura sulla sua Osella. Ottava piazza per il veneto Federico Liber che con la sua Gloria C8P ha vinto la classe 1600 delle monoposto, malgrado l’umido di gara 1 ne abbia compromesso la prestazione assoluta. Top ten completata dal ceko Vaclav Janìk su Norma M20 e da Manuel Dondi, il bolognese della CST Sport vincitore del gruppo E2SH con la Fiat X1/9 Alfa Romeo con cui ha fatto il vuoto tra le silhouette, dove al 2° posto si è piazzato il lucano Carmine Tancredi sulla BMW Cosworth.

Prima vittoria del romano Marco Iacoangeli su BMW Z4 GT3 in gruppo GT. Il driver e preparatore ha risolto le noie elettriche ai sensori dell’albero motore accusate in prova ed in gara ha sferrato l’attacco decisivo prendendo ora la testa tra le super car del CIVM. Seconda posizione nella classifica combinata delle due gare per il padovano Luca Gaetani che sulla Ferrari 458 GT3 si è alternato al 2° posto nelle due salite con il friulano Gianni Di Fant, soddisfatto, ma che ha fatica ha dominato i tanti cavalli della nuova Lamborghiini Huracan sul difficile fondo, chiudendo al 3° posto. In GT Cup successo per il padovano di Superchallenge Roberto Ragazzi su Ferrari 458, che ha contrattaccato in gara 2 riuscendo a sopravanzare Sebastiano Frjio che sulla Porsche 997 aveva chiuso in testa gara 1. Applausi per la Aston Martin Vantage portata al debutto in salita dal gentleman partenopeo Piero Nappi, una vettura appena arrivata dalla pista che necessita di un opportuno adeguamento.

In gruppo E1 Ronnie Bratschi su Mitisubishi Lancer ha vinto e si è aggiudicato i punti per la serie FIA, lo svizzero ha vinto la gara nell’edizione 2016 ed ha fatto valere il feeling col tracciato.Primo italiano in classifica il laziale Mauro Soretti sempre molto incisivo sulla Subaru Impreza con cui è salito sul 2° gradino del podio facendo il pieno dei punti CIVM. Ha perso terreno in gara 2 a causa dell’alternatore il pesarese Marco Sbrollini dopo una buona prestazione dal podio i gara 1 con la Lancia Delta EVO. Non ha lasciato spiragli a nessuno in classe 1600 il calabrese della Cubeda Corse Giuseppe Aragona con la perfetta Peugeot 106.

Rudi Bicciato ha firmato il gruppo A con l’inseparabile Mitsubishi Lancer l’altoatesino della Scuderia Mendola non ha lasciato spazio ai tanti concorrenti d’oltre confine ed ha llungato nel tricolore. IN classe 200 successo per il rallista di casa Ivano Cenedese, mentre in classe 1600 pieno di piunti per il pugliese Gasperino (Rino) Tinella son la Peugeot 106.

Lorenzo Mercati ha vinto il gruppo N con la Mitsubishi Lancer, con cui l’esperto toscano della Scuderia Etruria si è imposto nella generale grazie al successo di gara 1 a cui nella seconda salita ha risposto l’austriaco Holzer su auto gemella. Sul terzo gradino del podio l’efficace e costante Gabriella Pedroni la lady trentina molto concreta sul tracciato friulano. Al lucano Rocco Errichetti la classe 1600 su Citroen Saxo.

Esordio in gruppo Racing Start Plus con vittoria per Giacomo Liuzzi sulla MINI John Cooper Works della AC Racing, il pugliese ha subito attaccato e vinto anche nelle condizioni d’umido ed ha certamente contato l’esperienza con la vettura tedesca, con cui ha preceduto la gemella del rallista pordenonese Fabrizio Martinis. Terza piazza nella classifica combinata per il veneto Marco Cappello che con la Honda Civic Type-R si è affermato con la prima vettura spirata.

Antonio Scappa ha firmato il gruppo Racing Start RSTB con la MINI John Cooper Works curata dalla DP Racing con cui il reatino più volte campione è alla seconda vittoria su due gare disputate. Secondo Luca Giovannoni anche lui su MINI. Sul podio di categoria e nuovo successo in RS per il calabrese Claudio Gullo sulla Honda Civic Type-R con cui ha raggiunto un perfetto feeling.

Classifica assoluta: 1. Merli (Osella Fa30 Zytek) in 5’03”01; 2. Cubeda (Osella Fa30 Zytek) a 6”92; 3. Magliona (Norma M20 Fc Zytek) a 7”74; 4. Lampert (Osella Fa30) a 18”18; 5. Lombardi (Osella Pa21 JrB Bmw) a 23”58; 6. Turatello (Osella Pa21 Evo Honda) a 24”76; 7. Ligato (Osella Pa21 Evo Honda) a 28”18; 8. Liber (Gloria C8P Evo Hayabusa) a 29”07; 9. Janik (Norma M20 Fc) a 31”33; 10. Dondi (Fiat X1/9) a 32”96.
Gara-1: 1. Merli in 2’38”79; 2. Cubeda a 0”35; 3. Magliona a 0”67; 4. Lombardi a 3”59; 5. Ligato a 4”48.
Gara-2: 1. Merli in 2’24”22; 2. Cubeda a 6”57; 3. Magliona a 7”07; 4. Lampert a 9”51; 5. Janik a 14”95.
Classifica dei gruppi. Rs: 1. Scappa (Mini Cooper) in 6’38”65; 2. Giovannoni (Mini Cooper) a 19”02; 3. Gullo (Honda Civic) a 20”16. Rs+: 1. Liuzzi(Mini Cooper) in 6’40”23; 2. Martinis(Mini Cooper) a 2”55; 3. Cappello (Honda Civic) a 15”86. Gr.N: 1. Mercati in 6’26”85; 2. Holzer a 4”19; 3. Pedroni a 7”68. Gr.A: 1. Bicciato (Mitsubishi Lancer) in 6’07”87; 2. Taus (Subaru Impreza) a 4”62; 3. Hartl (Mitsubishi Lancer) a 17”83. E1: 1. Bratschi (Mitsubishi Lancer) in 5’38”51; 2. Soretti (Subaru Impreza) a 6”61; 3. Trneny (Skoda Fabia Wrc) a 8”53. Gt: 1. Iacoangeli (Bmw Z4 Gt3) in 5’46”57; 2. Gaetani (Ferrari 458 Gt3) a 3”66; 3. Di Fant (Lamborghini Huracan) a 5”49. E2Sh: 1. Dondi in 5’35”97; 2. Tancredi (Bmw 320 Cosworth) a 19”63; 3. Ghirardo (Lotus Exige) a 32”77. Cn: 1. Turatello in 5’27”77; 2. Ligato a 3”42; 3. Crespi a 41”46. (tutti su Osella Pa21 Evo.) E2 Moto: 1. Lombardi in 5’26”59. E2Sc: 1. Magliona in 5’10”75; 2. Lombardi a 15”84; 3. Janik a 23”59. E2Ss: 1. Merli a 5’03”01; 2. Cubeda a 6”92; 3. Lampert a 18”18.

Calendario CIVM 2018: 4-6 maggio 44^ Alpe del Nevegal (BL); 25-27 maggio 48^ Verzegnis-Sella Chianzutan (UD); 68-10 giugno 61^ Coppa Selva di Fasano (BR); 22-24 giugno 57^ Coppa Paolino Teodori (AP); 29 giu -1 lug 68^ Trento-Bondone (TN); 20-22 luglio 8^ Salita Morano-Campotenese (CS); 3-5 agosto 28° Trofeo Lodovico Scarfiotti (MC); 17-19 agosto 53° Trofeo Luigi Fagioli (PG); 31 ago – 2 set 36^ Pedavena-Croce D’Aune (BL); 14-16 settembre 60^ Monte Erice (TP); 21-23 settembre 64^ Coppa Nissena (CL); 5-7 ottobre 24^ Luzzi – Sambucina (CS).
Approfondimenti, notizie, foto e video su www.acisportitalia.it
Addetto Stampa C.I.V.M. Rosario Giordano 3346233608 rosario.giordano@acisportitalia.it

Visite: 195

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI