Atletica Leggera il lunghista Flippo Randazzo “La vittoria del tricolore 2018 la più importante vittoria nella mia carriera”

La più importante vittoria in assoluto conquistata ad oggi nella sua seppur ancora breve ma già brillante carriera. Lo quella conquistata domenica scorsa a Pescara dal lunghista di San Cono ma valguarnerse di adozione Fiippo Randazzo con il titolo italiano Assoluto. Adesso non è che si voglia sminuire questo importante risultato. Ma Filippo nel corso di questi anni di titoli italiani sa giovanili che assoluti ne ha vinto parecchi sia all’aperto che indoor oltre che medaglie europee U23 e tra l’altro con misure più importanti del “solo” 7,76 di domenica. Ma quella di domenica ha però un significato particolare perchè significa di fatto aver visto nuovamente la luce in fondo ad un tunnel in cui pareva che Flippo si era pericolosamente infilato. Infatti Filippo proviene da un serio infortunio nello scorso mese d giugno ad una caviglia che gli ha fatto saltare sia gli Universiadi di Tarragona che gli Europei. E tra l’altro malgrado abbia seguito una precisa convalescenza, non si è ancora del tutto ripreso tanto che la domenica precedente aveva di fatto saltato il Meeting di Padova ed è stato in forse sino all’ultimo momento per gli Italiani di Pescara. Ma la voglia di rientrare nel giro che conta è stata tanta e malgrado le non ancora perfette condizioni fisiche ha saltato per il titolo italiano. “Ci tenevo tanto a questo titolo – ci racconta raggiunto telefonicamente mentre si trova in aeroporto per rientrare in Sicilia – non sto ancora bene ma stringendo i denti sono riuscito a saltare per il titolo italiano”. Un infortunio che si ha condizionato non poco la stagione. “Proprio così – continua – ma sono cose che ti possono capitare e li devi mettere in conto. L’importante è non abbattersi e ripartire ed in questi casi la vittoria è la migliore medicina”. Malgrado le non perfette condizioni fisiche hai però lo stesso fatto un bel salto. Significa che sulle gambe le misure ci sono. “Penso proprio di si – continua – e tra l’altro come dice il mio tecnico Carmelo Giarrizzo – dice dice ridendo – “se con una gamba salti 7,76 con due puoi fare molto meglio”. Adesso dopo questa importante vittoria sopratutto per il morale quali sono i tuoi programmi. “Ritengo che per me la stagione sia di fatto finita – conclude – mi riposerò e continuerò a curarmi. Dopodichè inizierò la preparazione per il 2019 in vista degli Europei Indoor ed anche per i mondiali”. Per partecipare serve il minimo? “Per gli europei Indoor si 7,90 – precisa – ai mondiali partecipano i primi 30 della graduatoria Mondiale”. Con il senno di poi è sempre facile. Ma se il 2018 non fosse stato condizionato da questo infortunio Flippo Randazzo dove sarebbe potuto arrivare? “Come hai detto tu è impossibile dire oggi cosa sarebbe potuto succedere – conclude – io posso solamente dire che in particolare in Europa con 8,20 quest’anno eri competitivo per qualsiasi titolo”.

Visite: 317

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI