Atletica Leggera: Europei U23, Filippo Randazzo “vola” a 8,04 mt e va in finale

Con un 8,04 al primo salto Filippo Randazzo sanconitano di nascita ma valguarnesese d’adozione vola in finale con la migliore misura tra i 12 finalisti ai campionati europei U23 in Polonia. Randazzo allenato dal valguarnerese Carmelo Garrizzo ha anche stabilito il suo record all’aperto. la finale domani venerdì 14 luglio alle 19.

Il commento tecnico di Alessio Giovannini sul sito web della FIDAL
“Un gran salto apre l’avventura degli azzurri ai Campionati Europei under 23 iniziati oggi a Bydgoszcz (Polonia). Il protagonista è Filippo Randazzo che nella qualificazione del lungo spicca subito il volo a 8,04 (+0.9) al primo salto. Per il siciliano dai capelli rossi, tricolore assoluto in carica, è il secondo atterraggio in carriera oltre il fatidico muro degli 8 metri, ad un centimetro dal personal best indoor saltato a febbraio ad Ancona. Liste stagionali alla mano è la miglior misura europea under 23 dell’anno al pari dello svedese Thobias Nilsson Montler che qui si è limitato ad un 7,66 (+1.2). “Questo era il mio quarto salto al rientro dall’infortunio che mi ha tenuto ai box a giugno – spiega il 21enne delle Fiamme Gialle allenato da Carmelo Giarrizzo -. La qualificazione era un po’ un’incognita, ma per fortuna è diventata una bella sorpresa. Gli otto metri davvero non me li aspettavo davvero stamattina. Domani (ore 19.02, ndr) in finale si riparte da zero, sarà un’altra gara, ma sono fiducioso di poter aggiungere altri centimetri”. In finale con Randazzo ci sarà anche il calabrese Gabriele Chilà che all’ultima prova azzecca un 7,61 (+1.2) che regola il conto in sospeso con questa pedana dove nel 2016 era rimasto ad un passo dalla finale dei Mondiali U20.”
http://www.fidal.it/…/EuroU23-Randazzo-infrange-anco…/108708

EuroU23: Randazzo infrange ancora gli 8 metri!
13 Luglio 2017

A Bydgoszcz, il siciliano atterra a 8,04 (+0.9) e svetta in cima alle liste europee stagionali under 23. Promossi in finale anche l’altro lunghista Chilà e i pesisti Fabbri, Bianchetti e Ragonesi.

di Alessio Giovannini

Un gran salto apre l’avventura degli azzurri ai Campionati Europei under 23 iniziati oggi a Bydgoszcz (Polonia). Il protagonista è Filippo Randazzo che nella qualificazione del lungo spicca subito il volo a 8,04 (+0.9) al primo salto. Per il siciliano dai capelli rossi, tricolore assoluto in carica, è il secondo atterraggio in carriera oltre il fatidico muro degli 8 metri, ad un centimetro dal personal best indoor saltato a febbraio ad Ancona. Liste stagionali alla mano è la miglior misura europea under 23 dell’anno al pari dello svedese Thobias Nilsson Montler che qui si è limitato ad un 7,66 (+1.2). “Questo era il mio quarto salto al rientro dall’infortunio che mi ha tenuto ai box a giugno – spiega il 21enne delle Fiamme Gialle allenato da Carmelo Giarrizzo -. La qualificazione era un po’ un’incognita, ma per fortuna è diventata una bella sorpresa. Gli otto metri davvero non me li aspettavo davvero stamattina. Domani (ore 19.02, ndr) in finale si riparte da zero, sarà un’altra gara, ma sono fiducioso di poter aggiungere altri centimetri”. In finale con Randazzo ci sarà anche il calabrese Gabriele Chilà che all’ultima prova azzecca un 7,61 (+1.2) che regola il conto in sospeso con questa pedana dove nel 2016 era rimasto ad un passo dalla finale dei Mondiali U20. Tutti promossi all’ultimo scontro per le medaglie i pesisti Leonardo Fabbri (19,06), Sebastiano Bianchetti (18,49) e Gian Piero Ragonesi (18,44). Domani alle 18.10 ci saranno tre italiani su dodici finalisti tra cui il polacco Konrad Bukowiecki a cui oggi basta un unico lancio da 21,26 per prendersi subito il record dei Campionati. Disco verde e semifinale raggiunta per i quattrocentisti Daniele Corsa (46.82), Giuseppe Leonardi (46.76) e Brayan Lopez (47.47). Nelle batterie dei 100 metri avanzano al turno successivo Antonio Cassano (10.36/+1.5, primato personale), Wanderson Polanco (10.51/+1.0) e Chiara Torrisi (11.77/+3.2).

CAMPIONATI EUROPEI UNDER 23
Un gran salto apre l’avventura degli azzurri ai Campionati Europei Under 23, iniziati oggi a Bydgoszcz (Polonia)

Il protagonista è il lunghista Filippo Randazzo che nella qualificazione vola a 8,04 (+0.9) al primo salto. Per il sanconese dai capelli rossi, tricolore assoluto in carica, è il secondo atterraggio in carriera oltre il fatidico muro degli 8 metri, a un centimetro dal personal best indoor saltato a febbraio ad Ancona.

Liste stagionali alla mano è la miglior misura europea Under 23 dell’anno al pari dello svedese Thobias Nilsson Montler che qui si è limitato ad un 7,66 (+1.2).

«Questo era il mio quarto salto al rientro dall’infortunio che mi ha tenuto ai box a giugno – spiega il 21enne delle Fiamme Gialle allenato da Carmelo Filippo Giarrizzo – la qualificazione era un po’ un’incognita, ma per fortuna è diventata una bella sorpresa.

Gli otto metri non me li aspettavo stamattina. Domani (ore 19.02, ndr) in finale si riparte da zero, sarà un’altra gara, ma sono fiducioso di poter aggiungere altri centimetri».

In finale con Randazzo ci sarà anche il calabrese Gabriele Chilà, ammirato a Messina, che all’ultima prova azzecca un 7,61 (+1.2) che regola il conto in sospeso con questa pedana dove nel 2016 era rimasto ad un passo dalla finale dei Mondiali U20.

Disco verde e semifinale raggiunta per i quattrocentisti Daniele Corsa (46”82, terzo tempo della mattinata), Giuseppe Leonardi (46”76) e Brayan Lopez(47”47).

Nelle batterie dei 100 metri avanzano al turno successivo Antonio Cassano (10”36/+1.5, primato personale), Wanderson Polanco (10”51/+1.0) e la sangregorese Chiara Torrisi (11”77/+3.2).

I MIGLIORI SALTI DI FILIPPO RANDAZZO NEL LUNGO
8,05i Ancona, 18/02/2017 PM 2s1
8,04 Bydgoszcz, 13/07/2017 PM q
7,95 Trieste, 01/07/2017 PM 1
7,89i Belgrado, 03/03/2017 PM 5q1
7,86i Ancona, 04/02/2017 PM 1s1
7,84i Ancona, 22/01/2017 PM 1s2
7,77i Belgrado, 04/03/2017 PM 7
7,76 Torino, 25/07/2015 JM 1s1 -1.1
7,75 Tunisi, 04/06/2016 PM 3s1 -0,1
7,74 Eskilstuna, 17/07/2015 JM 3 +0.9
(10)

Visite: 281

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI