Assessorato regionale al Lavoro e Famiglia decreto di approvazione del “Nuovo piano sui servizi socio-educativi per la prima infanzia in Sicilia”.

Un documento per costruire una Sicilia a misura di bambino. L’assessore della
Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, Carmencita Mangano, ha firmato
il decreto di approvazione del “Nuovo piano sui servizi socio-educativi per la
prima infanzia in Sicilia”.
In particolare, nel nuovo piano, oltre ai 28 milioni di euro già attivati,
sono previste altre 10 misure in favore dei Comuni e dei privati per circa 80
milioni di euro per la costruzione e la ristrutturazione di nidi e asili; per
la concessione di contributi biennali per la riduzione della retta a carico
delle famiglie; per le spese di start-up destinate alla nascita di nuove
attività e per l’avvio del sistema informativo regionale sui servizi socio-
educativi in collegamento con la rete nazionale già esistente.
“Il nuovo Piano – dice l’assessore Mangano – nasce con l’obiettivo di mettere
a sistema tutte le risorse disponibili, fondi della Comunità Europea e
nazionali, per assicurare un’adeguata assistenza alle famiglie più bisognose e
per garantire in Sicilia servizi di qualità ai bambini da zero a tre anni. Il
nostro intervento, in linea con il precedente Programma Straordinario Regionale
sui Servizi Socio Educativi, intende potenziare l’offerta per la realizzazione
di nuovi asilo nido e per adeguare e migliorare le strutture già esistenti. Ma
abbiamo anche pensato a una serie di misure integrative, come la creazione di
spazio giochi e centri per famiglie e bambini, che possano aiutare e sostenere
i genitori nel percorso di crescita dei loro figli durante il delicato momento
dell’infanzia. Il nostro progetto è certamente molto ambizioso ma, con impegno
e organizzazione, l’obiettivo potrebbe essere di migliorare l’intero settore
dando lavoro a circa 12 mila nuovi addetti e a dare impulso all’indotto formato
da almeno 4 mila persone tra impiegati, educatori e ausiliari”.
I servizi e i relativi finanziamenti, che potranno essere gestiti dai Comuni
ma anche da soggetti del privato sociale no profit, saranno suddivisi a seconda
delle esigenze delle province siciliane sulla base di una popolazione
complessiva, da 0 a 3 anni, di circa 128.373 bambini. Dai dati statistici,
rilevati dal Piano, si evidenzia che le aree metropolitane di Palermo, Catania
e Messina assorbono quasi il 30% degli interventi con una potenziale domanda di
34.901 unità, su cui incide sensibilmente il fenomeno migratorio. Solo nel
Comune di Palermo risiede il 14% dei bambini presenti nella regione con una
popolazione di circa 18 mila persone mentre un dato interessante è
rappresentato da una sorta di graduatoria sul rapporto tra la popolazione più
giovane e gli abitanti. In questo caso i “Comuni più giovani” sono Camporotondo
etneo e Maniace in provincia di Catania e Ficarazzi al terzo posto, Catania si
piazza in 70esima posizione, Palermo al numero 71 e Messina 250esima.
Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – Logout
Copyright © 2014 – tutti i diritti riservati

Visite: 307

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI