ARCHITETTI SICILIANI A ROMA: «LA PROGETTAZIONE SIA IL FUTURO DELL’ISOLA»

ARCHITETTI SICILIANI A ROMA: «LA PROGETTAZIONE SIA IL FUTURO DELL’ISOLA»

I presidenti di categoria: «Le maggiori criticità: carenza di infrastrutture, mancata spesa dei fondi europei e degrado dei centri storici»

CATANIA – La progettazione non solo come attività professionale, ma come responsabilità sociale e impegno etico dell’architetto, figura capace, grazie alla tecnica e alla cultura, di incidere nel processo di trasformazione delle città. È stato questo il fulcro del convegno che ha visto gli Ordini degli Architetti della Sicilia e del Lazio riunirsi a Roma – nella sede della Casa dell’Architettura – per discutere di leggi regionali, normative, procedure, ma anche di opportunità sociali e abitative, all’insegna di un dialogo aperto e costruttivo fra i colleghi italiani. Territorialità chiamate a confrontarsi sulle proprie similitudini, peculiarità e differenze per lo sviluppo verso un futuro comune. Un evento che è stato l’occasione per far emergere le specificità dell’architettura siciliana, tra potenzialità e criticità; e a cui hanno partecipato il vicepresidente del Consiglio nazionale di categoria Rino La Mendola, il presidente di Inarcassa Giuseppe Santoro, i rappresentanti delle due Amministrazioni regionali, di Fondazione Inarcassa e di Ance.

Gli interventi dei presidenti degli Ordini siciliani – Alfonso Cimino (Agrigento), Paolo Lo Iacono (Caltanissetta), Alessandro Amaro (Catania e presidente della Consulta regionale), Antonino Rizza (Enna), Caterina Sartori (Messina), Francesco Miceli (Palermo), Salvatore Scollo (Ragusa), Francesco Giunta (Siracusa), Vito Mancuso (Trapani) – hanno messo in luce caratteristiche e diversità delle nove province dell’Isola, che tutte insieme rappresentano il grande fascino di questa terra.

«La Sicilia – hanno affermato in un intervento comune i presidenti – per la sua posizione nevralgica al centro del Mediterraneo, nell’incrocio fra tre continenti, è sempre stata nei secoli zona di attrazione per i popoli. Da un lato un territorio con incredibili ricchezze culturali, basti pensare ai sette siti Unesco, alle oltre 70 aree naturali protette, e agli innumerevoli beni artistici, storici e paesaggistici che rendono le aree une diverse dalle altre; dall’altro una regione tormentata da problematiche come lo spopolamento dell’entroterra a favore dei grandi centri, o le difficoltà ambientali delle zone costiere, oggi degradate per l’insediamento dei poli industriali. Condizioni su cui pesano le criticità maggiori di cui soffre l’Isola – hanno continuato – parliamo della carenza di infrastrutture adeguate (in primis una rete ferroviaria scadente), della cronica incapacità a spendere i fondi europei per la lentezza e l’inefficacia della programmazione, e dell’urgenza di recuperare urbanisticamente i territori, le città e i centri storici».

Cogliendo gli spunti di riflessione lanciati dal presidente dell’Ordine Architetti di Roma Flavio Mangione, i presidenti siciliani hanno ribadito che «in questo contesto la figura dell’architetto può e deve essere protagonista di una trasformazione urbana e di un miglioramento ambientale che siano all’altezza della crescita e dello sviluppo dei Paesi europei più avanzati. Per questo gli Architetti dell’Isola, e i nove Ordini che li rappresentano, sono impegnati in un’opera di rilancio che vinca la storica penalizzazione della Sicilia, con particolare attenzione all’aspetto della legalità, di fondamentale importanza per la qualità dei progetti di architettura».

A testimonianza di ciò sono stati illustrati nel corso dell’incontro cinque progetti realizzati in Sicilia e curati da giovani professionisti. «Sono esempi – hanno affermato – di come l’architetto abbia la capacità di leggere a fondo le trasformazioni sociali, urbane, economiche e territoriali, e di sapere scegliere tra le opportunità migliori che la tecnica e la cultura ci mettono a disposizione».

Visite: 305

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI