ANCORA SULL’ALITALIA – di Angiolo Alerci

ANCORA SULL’ALITALIA

Nel 2017 lo Stato, nel tentativo di salvare l’Alitalia in vista di una seria sistemazione aziendale, con una particola tolleranza ottenuta dalla Commissione europea, concesse all’Alitalia un prestito di 900/milioni per venti mesi, con scadenza 31 dicembre 2018.
Prestito che, non solo non è stato ancora restituito, ma non è servito a mettere la società in una condizione di mercato più favorevole, nel tentativo di coinvolgere altri soci.
Da tempo il Governo sta studiando la possibilità aggirare le norme europee e consentire altro prestito di 300 milioni.
Oggi la richiesta è aumentata a 400/milioni e, per la sua sollecita definizione, viene accompagnata dallo sciopero del personale che ha determinato, solo per oggi, l’annullamento di circa duecento voli.
Un comportamento veramente vergognoso.
Se invece di buttare in un fosso senza fondo ben 1300/ milioni di euro la somma fosse stata utilizzata per pagare i notevoli debiti dello stato nei confronti delle medie e piccole imprese, il risultato sarebbe stato ben diverso.
L’Alitalia,con la sua struttura attuale, non potrà mai essere salvata.

angiolo alerci

Visite: 309

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI