AMUSE BOUCHE: IL BLOG GLUTEN FREE DELLA VALGUARNERESE LEANDRA SCIUTO Di Alice Garofalo

AMUSE BOUCHE: IL BLOG GLUTEN FREE DELLA VALGUARNERESE LEANDRA SCIUTO
Di Alice Garofalo

Ha 24, studia medicina ed è celiaca. Un mix di credenziali che hanno dato vita a un foodblog fresco, serio e gluten free realizzato e curato dalla valguarnerese Leandra Sciuto.
La celiachia è l’intolleranza alimentare più frequente: la stima della sua prevalenza si aggira intorno all’1%, in Italia il numero teorico di celiaci si aggira intorno ai 600.000, contro i 200.000 ad oggi diagnosticati.
Tuttavia, sebbene sia un’intolleranza diffusa è raro che qualcuno se ne curi, se non chi ne fa parte. Così la neofoodblogger ha dato vita alla sua voce e ha realizzato Amuse Bouche, un blog per celiaci e non solo!
Nel blog sono presenti recensioni di locali italiani ed esteri, ricette, aggiornamenti sui prodotti, insomma tutto ciò che è senza glutine lo trovate lì dento. Lo trovate all’indirizzo web leandrasciuto.wixsite.com/ilmiosito.

Per soddisfare qualche altra curiosità, Leandra Sciuto ci ha rilasciato una breve intervista.

-Ciao, complimenti per questo nuovo progetto. Come mai hai deciso di creare il blog?

-Ciao, l’idea di creare un blog l’avevo da un po’ e grazie all’incoraggiamento del mio fidanzato ho reso pubblico il blog. L’idea in sé è nata da un disagio. Spesso mi capita di uscire e non avere una guida che mi dica se un locale sia gluten free o la qualità dei prodotti che usa, Spesso provo prodotti gluten free che poi scopro non piacermi e quando viaggio all’estero tutto è ancora più difficile. Ho pensato che come me molte altre persone si trovano in questa situazione, che siano esse stesse intolleranti o conoscano qualcuno che lo sia, così ho pensato di creare un blog nella speranza di facilitare a tutti questa condizione.

-Sicuramente il fatto che tu studi medicina ha dato un contributo importante al blog.

-Purtroppo in giro c’è tanta disinformazione: molte persone non sanno e molte altre credono di sapere. Studiare medicina mi ha aiutata a capire ulteriormente come funziona il mio corpo, così le conoscenze che traggo dai miei studi le riporto nel mio blog in termini più tecnici da quelli di molti siti che creano fraintendimenti, ma sempre in modo che possano essere chiare a tutti.

-Cosa rende particolare il tuo blog? Cosa lo differenzia dagli altri?

-Più che di differenza parlerei di innovazione. Non ho mai trovato recensioni di locali, aggiornamenti su nuovi prodotti, ricette e informazioni su locali esteri tutti in un solo blog o sito. Sì, esistono applicazioni come quella dell’AiC (Associazione Italiana Celiaci) che informa dei vari ristoranti e locali gluten free ma limitatamente all’Italia. Quando io vado all’estero vado alla cieca, non so se in un locale che si dichiari gluten free mangerò bene o addirittura potrei rischiare di non mangiare realmente gluten free.
Oltretutto non ho mai trovato un sito esclusivo per il senza glutine riguardo alle recensioni dei locali. Posso usare un sito come Trip Advisor ma devo mettere una miriade di filtri prima di arrivare ad un locale adatto ai celiaci. Con Amuse Bouche vorrei rendere il tutto più pratico e veloce.

-Hai accennato alle ricette. Quindi potremo trovare anche ricette che ci permetteranno di inviare a cena un celiaco senza accorrere ai prodotti gluten free dei bar più vicini?

-Assolutamente sì, caricherò tutte le ricette di tutti i piatti che io provo nel giornaliero dagli antipasti al dolce, anche per far capire che cucinare per un celiaco è facile e non è complicato come molti pensano. Ad esempio in natura esistono già molti alimenti senza glutine e gli ingredienti che utilizzo sono alla portata di tutti. Quindi oltre che a far scoprire ricette vorrei sfatare qualche falso mito e ricostruire una credenza su basi corrette e non ansiogene.

-Non ci resta che augurati buon lavoro!

-Grazie, farò del mio meglio.

Visite: 243

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI