Albergo Diffuso, a Enna Confartigianato e Uppi incontrano la terza commissione consiliare

Albergo diffuso la 3^ C.C.P. convoca Confartigianato e UPPI .

La terza Commissione parla del progetto Albergo Diffuso e invita al dibattito il Segretario Prov.le di Confartigianato Rosa Zarba e il Presidente dell’UPPI Luigi Scavuzzo, la Commissione ha chiesto ai due rappresentati delle organizzazioni sindacali maggiori chiarimenti sul progetto. Il Segretario Rosa Zarba fra l’altro ha comunicato che in questi giorni è stato approvato presso l’Assemblea Regionale, il regolamento che disciplina la legge sull’Albergo diffuso che è stata emanata il 2 – Agosto-2013 una norma che dopo circa 6 anni di lavoro della Confartigianato trova finalmente la completa approvazione. La motivazione che spinge Confartigianato – dichiara il Segretario Rosa Zarba – affinché si attivino tutte le procedure per la realizzazione dell’ Albergo diffuso è la ricaduta che questo progetto avrebbe sull’economia del territorio e sulla riqualificazione dei quartieri storici e  dei borghi rurali, abbandonati e degradati, diventando una risorsa economica significativa, specie se gli stessi  vengono riutilizzati per fini turistici; “L’albergo diffuso è una forma di accoglienza diversa di quello che è dell’albergo classico  e accoglie il turista facendolo immergere nelle atmosfere autentiche della vita dei piccoli borghi e centri storici, aiutandolo a conoscere abitudini e usanze originarie, a vivere la quotidianità locale e a degustare prodotti enogastronomici tipici. Inoltre guarda alla salvaguardia dell’ambiente, al recupero urbanistico, alla valorizzazione delle tradizioni, dando al tempo stesso opportunità occupazionali e imprenditoriali, con ricadute positive sulle attività artigianali e commerciali esistenti, nonché sui centri commerciali naturali”. Inoltre conclude il segretario , Confartigianato l’ l’UPPI  e lo studio professionale OMPHALOS, hanno pensato di offrire alle realtà Comunali locali un servizio tecnico per sostenerle nella realizzazione dell’Albergo Diffuso che riteniamo costituisca un importante strumento di sviluppo soprattutto per i piccoli comuni dell’entroterra siciliano,

Sono stati illustrati tutti i vantaggi che la nuova normativa potrà portare alla Città, che per gli innumerevoli tesori: archeologici, paesaggistici, enogastronomici e orografici.

Il Presidente dell’UPPI, nello specifico ha anche illustrato lo stato del centro storico e delle potenzialità che esso potrebbe rappresentare nel progetto generale, con il recupero di un patrimonio artistico e architettonico, ma anche con la possibilità di fare ripartire una città unica.

I membri della Commissione presieduta dal Presidente Falzone, Falciglia, Messina, La Porta, Rampello, Scillia e Timpanaro, hanno espresso molto interesse per l’Albergo diffuso, condividendone lo spirito e l’iniziativa e facendosi parte attiva nei confronti dell’Amministrazione Comunale per avviare l’iter per l’individuazione delle aree da destinare al progetto.

Visite: 428

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI