Al teatro Massimo di Palermo il saluto a 12 nuovi ambasciatori del Sorriso Gogol

Palermo premia il Sorriso: il Gogòl Day. Per la prima volta nella storia di Palermo, l’arrivo di 12 nuovi Ambasciatori del Sorriso è stato salutato all’interno di uno dei templi dell’arte e della cultura palermitani, il Teatro Massimo, che nel suo Bistrò ha la sua piena espressione celebrativa di eventi che accompagnano in maniera più leggera la programmazione della Fondazione. Una giornata che rimarrà negli annali, avendo visto questo luogo trasformarsi nel palcoscenico di un pomeriggio al quale in molti non hanno voluto rinunciare a esserci. Come Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, che ha subito accolto con grande entusiasmo il senso e il valore di questo progetto. Ospiti d’onore della manifestazione Stefania Petyx, Costanza Licata e Salvo Piparo, i cui sorrisi contagiano positivamente chiunque. Gioia, allegria e voglia di essere più leggeri, consapevoli della portata terapeutica che ha tutto questo per chiunque. Immancabili, al fianco della Petyx, i suoi amati bassotti in tenuta solare, così come lei stessa, più splendente che mai. Complice l’iniziativa, ma anche e soprattutto il suo carattere che l’ha resa e la rende amata e amabile ovunque lei vada. Poetica la partecipazione di Costanza Licata che, accompagnata dalla chitarra di Davide Velardi, ha “cullato” gli ospiti, ammaliante sirena, sulle note e parole di “Palermo tu” e “Suk El Balarà” di Salvo Licata e Ignazio Garsia. Ad ascoltarla, elegantemente accomodata sul divanetto accanto a lei, presenza gradita dell’evento, la cantautrice Alessandra Salerno, una delle voci più interessanti del panorama musicale siciliano contemporaneo. Con i suoi racconti “di pancia” sull’allegrezza di Palermo, Salvo Piparo è stato il perfetto istrione della serata, capace come sempre di incantare e far desiderare che questo momento non finisse mai, raccontando i miti di ieri e di oggi, con chiari riferimenti a quella “palermitanità” che emerge e colpisce quando meno ce lo si aspetti. A sorpresa, dedicata proprio a lui, un ospite che ha dovuto trascorrere nascosto gran parte del pomeriggio, per “saltare fuori” quando Piparo ha concluso il suo applauditissimo intervento, lasciando tutti ancora una volta a bocca aperta. Si è trattato del giovanissimo e promettente Davide Parisi, che dei “cunti” del suo maestro di riferimento ha fatto un cavallo di battaglia: prima a scuola, ora sempre di più pubblicamente in eventi come questo. Con un futuro che lui stesso immagina nel mondo dello spettacolo, ha saputo rapire i presenti, non solo in occasione del Gogòl Day, ma anche “A Cena col Mito“, star incontrastata della serata. Non potevano neanche in questo caso mancare le giovanissime danzatrici di “Veneràcrea” che, dopo avere riproposto le “Percezioni” del primo giorno, hanno continuato a incantare tutti con una performance sulla “gestualità siciliana“. Un’esibizione, la loro, veramente speciale, non solo per il messaggio lanciato, ma anche per la giovanissima età di questi danzatori, dai 18 ai 25 anni, che fa capire che di strada ne hanno parecchia davanti a loro, presupposto per essere certi che cresceranno veramente tanto. Poesia anche questa allo stato puro, ineguagliabile, inimitabile. In scena: Maria Aiello, Emanuele Cantatore, Miriam Caruso, Francesca Di Franco e Noemi Filippone. Un premio, il Gogòl, pensato da Mauro Todaro, imprenditore ennese che ha deciso di investire sul sorriso. E di sorrisi ne sono stati regalati a piene mani prima di tutto dall’ideatrice di questo progetto, Tiziana Di Pasquale, ingegnere e creatrice di eventi “preziosi, grandiosa nel vestire anche i panni di presentatrice, capace di dare la parola ai diversi ospiti, rivelando doti innate di intrattenitrice che la fanno distinguere anche tra chi questo lo fa come mestiere.
A dovere impegnarsi a portare in giro ovunque vadano la loro voglia di cambiare il mondo, attraverso atteggiamenti e pratiche virtuose, ora saranno altri 12 ambasciatori che hanno partecipato a una vera e propria staffetta che ha fatto battezzare i nuovi arrivati a compagni di viaggio già navigati. Nello specifico: Stefania Petyx, tenuta “a battesimo” da Mauro Todaro, ha consegnato il premio alla Compagnia di Danza “Veneràcrea”, mentre quest’ultima a Gabriella Filippone, presidente della “Settimana delle Culture”, per la quale a ritirarlo sono stati Chiara Maniscalco e Christian Scaccia. Marcella Li Brizzi, campionessa italiana di scherma Paralimpica e di Para-Badminton, ha consegnato il Gogòl ad Albero Molteni de “Il Giardino di Luca e Viola” (realtà operante nel campo delle malattie pediatriche, promuovendo la cultura della donazione), mentre Tonino Palma, presidente e cofondatore di “Tecnosys Italia srl” ma anche componente del CdA dell’A.P.E.A., Agenzia Provinciale per l’Energia e l’Ambiente,. all’imprenditrice Annalisa Riggio, creatrice di “Bookingability” (primo portale per la prenotazione in tempo reale di strutture ricettive adatte a persone disabili e con esigenze speciali). Da parte di Tonino Palma, poi, l’impegno, assunto pubblicamente, di realizzare il portale del Gogòl che consentirà di mettere in rete tutto quello che si muove attorno a questo ambito riconoscimento.
Il cantastorie Luigi Di Pino ha avuto il privilegio di premiare Costanza Licata e Salvo Piparo, mentre Gesualdo Prestipino lo ha fatto con Daniela Groppuso, web e media della Fondazione Teatro Massimo.
Consegna di Gogòl della Groppuso a Rita Barbera, direttrice del carcere Ucciardone di Palermo, mentre a riceverlo da Tiziana Di Pasquale è stato Giuseppe Romano, architetto e direttore del Bistrò del Teatro Massimo. A Domenico Pellegrino è giunto direttamente alle mani di Romano, mentre il presidente di CNA Sicilia, Nello Battiato, ha potuto premiare il senso più profondo dell’essere artigiani, rappresentato in questo caso da Maria Pia Canino, imprenditrice turistica, figlia del puparo Nino Canino.
Silvia Costanzo e Caterina Tarantino, rispettivamente ricercatrice e avvocato del Foro di Palermo ma soprattutto esperte di cake design, invece, sono state insignite dell’ambito riconoscimento dalla Di Pasquale.
Una staffetta che ha donato veramente tante emozioni. Così come i nuovi ambasciatori del sorriso, coloro che hanno premiato sono attivamente impegnati non solo nel loro lavoro ma anche nella società, considerando il sociale e la dedizione per gli altri un impegno prima di tutto morale ed etico.
A dare un ulteriore tocco alla serata la consegna di Gogòl artistici, realizzati per l’occasione da Gesualdo Prestipino e Laura Canino, primi di una serie che si arricchirà degli altri che verranno donati dai tanti artisti che il Gogòl incontrerà sulla sua strada. Arricchendo in tal modo il programma di appuntamenti di un progetto che vuole andare molto lontano avvalendosi del lavoro di chi crede fortemente che non si tratti di un semplice premio ma di un’occasione per creare opportunità. Reti che nascono e si alimentano della sinergia di chi comprende il senso e valore di questo piccolo omino giallo e verde di polistirolo che, a prima vista, dice molto poco, ma che ha in sè una potenza tale da riuscire a cambiare il mondo.
Presenti anche Ettore Messina, imprenditore turistico e assessore al Turismo di Piazza Armerina, e Giuliana di Franco che ha voluto realizzare e regalare alcuni “gogolini d’oro”. A concludere in bellezza la serata del Gogòl Day un altro graditissimo colpo di scena: le torte create e offerte da Caterina Tarantino e Silvia Costanzo, che hanno segnato con un ulteriore tocco di colore e tanto gusto un evento da ricordare.
A completare il team di chi ha realizzato tutto questo anche il fotografo ufficiale, Mario Virga, con i suoi scatti capaci di raccontare come pochi i tanti bei momenti di questo viaggio, ripreso anche dalle telecamere di SiciliaunoTv.
Impossibile, infine, non citare gli sponsor che hanno creduto sin dall’inizio al progetto: Maxservices web agency, Cipolla DAL 1950 Gioiellieri SiciliaunoTv KARMA coccole e carezze – Sanitaria, Gogòl omaggio al sorriso, CNA Sicilia, Museo “I Pupi di Nino Canino”, Lions Club Partinico Serenianus, Azienda Vitivinicola Tola.

Un viaggio in tre tappe che, complice lo splendido scenario del Bistrò del Teatro Massimo, ha parlato di arte, cultura e solidarietà grazie alla presenza e partecipazione di chi mette in pratica ogni giorno la voglia di fare e agire per creare bellezza ovunque sia.

S’intitola “Il Genio e il Mito” il progetto – pensato e promosso da Tiziana Di Pasquale e Gilda Sciortino in collaborazione con Mauro Todaro e Marcella Li Brizzi – che si è aperto con la personale di Gesualdo Prestipino…

Visite: 1070

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI