Acquaenna L C.G.A. HA DICHIARATO L’APPELLO CAUTELARE DELL’ATI IMPROCEDIBILE

L C.G.A. HA DICHIARATO L’APPELLO CAUTELARE DELL’ATI IMPROCEDIBILE
I legali della società AcquaEnna hanno comunicato che, con ordinanza n. 00644/2017 REG. PROV. CAU. pubblicata in data 14/09/2017, il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana ha dichiarato improcedibile l’appello cautelare proposto dall’ATI (Assemblea Territoriale Idrica) di Enna al fine di ottenere l’annullamento dell’ordinanza 00305/2017 REG. PROV. CAU. con cui il T.A.R. Catania ha accolto la domanda cautelare di AcquaEnna al fine di continuare ad inserire le partite pregresse in bolletta.
Il T.A.R., in particolare, aveva ritenuto il ricorso della società gestore del servizio fondato nel fumus “…in relazione alla dedotta incompetenza dell’ATI ad adottare il provvedimento …” di sospensione per un periodo di sei mesi del pagamento delle partite pregresse.
A sua volta il C.G.A., rigettando l’appello dell’ATI avverso il provvedimento del T.A.R., ha rilevato come la stessa ATI, in udienza, “…ha dichiarato di non avere più interesse all’appello cautelare, anche in considerazione del fatto che il termine di sei mesi per il quale era stata disposta la sospensione con il provvedimento impugnato è frattanto interamente decorso …”.
Il provvedimento del C.G.A. conferma quindi il diritto di AcquaEnna di continuare ad inserire in bolletta la voce delle partite pregresse.

Visite: 291

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI