L’importanza dell’alimentazione nel calcio: all’ennese Sandra Greco un riconoscimento dalla Fifa

Un importante riconoscimento per la sua professionalità applicata nel mondo dello sport. E’ quella arrivata direttamente dalla Fifa all’esperta in Alimentazione l’ennese Sandra Greco con il Diploma in “Football Medicine”, un pratica un diploma di specializzazione di Medicina del calcio. Sandra Greco con una laurea in Dietetica con specializzazione nel mondo dello sport infatti da anni collabora attivamente sia con società di calcio seguendo nel miglioramento delle performance l’Akragas negli anni della C, l’Enna, il Canicattì, il Gela, ma anche singoli atleti che militano tra i professionisti come Monachello del Pescara, Terranova della Cremonese ed altri ancora. Ad onor del vero Sandra Greco segue anche tanti altri atleti di altre discipline che vanno dall’automobilismo, all’atletica leggera, allo Sci Nautico. Ma è però nel calcio che in questi ultimi anni sta approfondendo le sue conoscenze in particolare nel settore professionistico. E con questo riconoscimento arrivato dalla Federazione Mondiale del calcio nel suo particolare settore, ovvero quello del miglioramento della organizzazione e gestione alimentare di un atleta, ha sicuramente tagliato un importante traguardo. “Sono molto contenta di questo riconoscimento che rappresenta la conclusione di un lungo percorso di studio fatto di tanti sacrifici e che parte già da una severa selezione sul curriculum che ogni partecipante invia – afferma Sandra Greco – anche perchè la Fifa si occupa di calciatori d’elite ma anche della formazione dell’intero staff di una società ma sempre di elite. Il club preso come riferimento per il lavoro che svolge sia a livello preventivo che per il miglioramento prestazionale di ogni singolo giocatore, e dove l’aspetto nutrizionale ha un peso non indifferente è il Barcellona. In pratica questo corso fornisce ai partecipanti una specializzazione a 360 gradi sulla medicina nel calcio. Ed anche gli aspetti nutrizionali sono inseriti in questo settore”. Probabilmente ancora oggi nel mondo dello sport ed in particolare nel campo del calcio non c’è ancora la giusta consapevolezza dell’importanza di una corretta alimentazione dell’atleta sia per quanto riguarda il miglioramento delle sue prestazioni ma anche per la prevenzione o il recupero da infortuni”. Effettivamente è così – conclude Sandra Greco – ma anche se lentamente ma pian piano si va prendendo sempre più coscienza che questo è un aspetto sicuramente da attenzionare”.
Riccardo Caccamo

Visite: 543

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI